Coronavirus:
positivi 15.060
deceduti 34.818
guariti 191.083

Un gruppo neonazista reclutava adolescenti per formare un “esercito di suprematisti bianchi” e scatenare una guerra razziale

Di Giulia Angeletti
Pubblicato il 22 Giu. 2020 alle 22:24 Aggiornato il 22 Giu. 2020 alle 22:33
281
Immagine di copertina

Un gruppo di militanti neonazisti reclutava adolescenti allo scopo di radicalizzarli e radunare tutti i suprematisti bianchi del mondo per scatenare e combattere una battaglia razziale. L’FBI è entrata in possesso di alcune registrazioni segrete nel corso delle quali giovani ragazzi venivano infatti intervistati da membri più anziani di questa organizzazione, denominata The Base. Registrazioni che sono state segnalate al bureau dal Southern Poverty Law Center, organizzazione per i diritti civili negli Usa, e condivise dalla BBC One. Capo e fondatore dell’organizzazione sarebbe Rinaldo Nazzaro, cittadino statunitense di 47 anni, che sempre secondo quanto rivelato dalla BBC One teneva le redini del gruppo neonazista da un lussuoso appartamento di San Pietroburgo, in Russia, dal quale conduceva anche le interviste alle nuove reclute.

I “colloqui” si svolgevano sempre allo stesso modo e in teleconferenza su un’app crittografata: Nazzaro domandava ai giovani di presentarsi, specificando l’etnia, per poi passare a chiedergli della loro storia personale, delle esperienze di radicalizzazione o con le armi; in seguito anche altri membri anziani di The Base ponevano le loro domande, come sui libri letti, ad esempio Mein Kampf di Adolf Hitler. I candidati a far parte del gruppo neonazista venivano inoltre invitati ad avvicinarsi all’ideologia suprematista da Nazzaro, che mostrava loro video propagandistici prima di congedarli. Il profilo di ciascun adolescente veniva poi valutato dall’organizzazione, che decideva se proseguire o meno con un secondo controllo di persona.

“Abbiamo l’obiettivo di creare inizialmente due o tre cellule umane in quante più aree possibili”, dice il fondatore di The Base ad un ragazzo in una delle registrazioni, per poi aggiungere che “il Regno Unito è un luogo con un grande potenziale”. In Georgia, attualmente, tre membri dell’organizzazione sono sotto processo per essere stati accusati di progettare l’omicidio di una coppia antifascista. The Base, comunque, sembrerebbe essere l’ultima organizzazione legata ad una rete internazionale neonazista legata ad un forum web che ormai non esiste più, denominato Iron March. Questa comprendeva anche le organizzazioni britanniche National Action e Sonnenkrieg, nonché la statunitense divisione Atomwaffen, già smantellata a seguito di un’indagine dell’FBI. Sempre la BBC ha inoltre rivelato l’identità di un uomo, membro sia di The Base che creatore di un forum online che adescava adolescenti con fini terroristici: si tratta di Matthew Baccari, disoccupato 25enne californiano, che tramite l’alias “Mathias” gestiva  un sito web chiamato Fascist Forge, in cui terrorismo e violenza sessuale venivano quotidianamente incoraggiati. E’ anche sua la voce che si ascolta nelle registrazioni.

Leggi anche: 1. Mancata zona rossa, Crisanti sarà il super consulente della procura di Bergamo: “Ora voglio scoprire la verità” (di Francesca Nava e Veronica Di Benedetto Montaccini) / 2. Esclusivo TPI: Fontana e Gallera in centro a Roma senza mascherina. “Cancellate quelle foto” (di Selvaggia Lucarelli)

281
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.