Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 14:52
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

È morto Larry Harvey, uno dei fondatori del Burning Man

Immagine di copertina
Il co-fondatore del Burning Man, Larry Harvey.

Larry Harvey, uno dei fondatori del Burning Man festival, è morto a San Francisco domenica 29 aprile 2018.

Dopo essere stato colpito da un ictus a inizio aprile, è deceduto in casa all’età di 70 anni. Lo ha annunciato l’organizzazione del celebre festival dedicato “alla comunità, all’arte, all’espressione personale e all’autosufficienza”. Il Burning Man si svolge ogni anno dal 1990 a Black Rock City, nel deserto del Nevada.

La storia del Burning Man e i 10 principi del festival

Tutto iniziò nel 1986 quando Larry Harvey e Jerry James, i fondatori del festival, festeggiavano il solstizio d’estate bruciando un pupazzo di legno alto di circa 3 metri sulla Baker Beach di San Francisco. Insieme diedero vita al Burning Man, appunto. Che si tiene in una città anarchica, Black Rock City, dove vigono precise regole, e che poi viene smantellata completamente alcuni giorni dopo.

Il cofondatore del Burning Man Larry Harvey ha stilato i “dieci principi” nel 2004, le linee guida che sono il riflesso della filosofia e della cultura della comunità come si era organicamente sviluppata all’inizio della manifestazione.

Eccoli: inclusione radicale, dono, demercificazione, autosufficienza radicale, autoespressione radicale, sforzo comune, responsabilità civica, non lasciare traccia, partecipazione, immediatezza.

All’interno della città vige una regola: nulla si può comprare (tranne ghiaccio e caffè), gli scambi avvengono tramite il baratto.

Per rispettare una delle altre regole del decalogo, “non lasciare traccia”, alla conclusione del festival, una squadra incaricata di pulire il tutto, la cosiddetta Play restoration crew, per circa un mese setaccia l’area dove si è formata l’immensa città, per eliminare qualsiasi traccia dei 75mila partecipanti.

IL BURNING MAN VISTO DA UN DRONE

INTERVISTA ALLA CO-FONDATRICE DEL BURNING MAN

CARTOLINE DAL BURNING MAN

IL BURNING MAN IN TIME LAPS

Ti potrebbe interessare
Esteri / Orban: "La nostra legge non è contro i gay ma sulle famiglie, non la ritiriamo"
Esteri / Miami, crolla palazzo di 12 piani in zona residenziale: “Si temono molte vittime”
Esteri / Morto in carcere il “papà” del primo antivirus per computer
Ti potrebbe interessare
Esteri / Orban: "La nostra legge non è contro i gay ma sulle famiglie, non la ritiriamo"
Esteri / Miami, crolla palazzo di 12 piani in zona residenziale: “Si temono molte vittime”
Esteri / Morto in carcere il “papà” del primo antivirus per computer
Esteri / Un web designer ha chiamato suo figlio HTML
Esteri / Così il dittatore torna “utile”: l’Ue offre 3,5 miliardi alla Turchia di Erdogan per bloccare i migranti
Esteri / Britney Spears: “Basta tutela paterna, rivoglio la mia vita”. E porta in tribunale la famiglia
Esteri / Scuole bombardate e senza corrente elettrica: a Gaza iniziano gli esami di maturità
Esteri / Crisi umanitaria in Etiopia: raid contro un mercato nel Tigray, decine di vittime
Esteri / Mar Nero, russi sparano colpi di avvertimento contro una nave britannica
Esteri / Dimentica di essere sposato per via dell'Alzheimer e fa una seconda proposta alla moglie