Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

È morta Maritsa, la nonna di Lesbo che allattava un neonato siriano e candidata al Nobel per la Pace

Immagine di copertina

La signora diventata famosa per una foto in cui lei e altre due donne davano il biberon ad un neonato arrivato su una barca di migranti

Il 18 gennaio 2019 è morta Maritsa Mavrapidou, l’anziana signora dell’isola di Lesbo diventata famosa per una foto in cui lei e altre donne davano il biberon ad un neonato arrivato su una barca di migranti.

Lo scatto divenne il simbolo dell’accoglienza e dell’altruismo e ricette un accoglienza talmente calorosa che le tre “nonne” furono anche candidate al Nobel per la pace.

“Abbiamo accolto i rifugiati perché anche noi discendiamo da rifugiati”, aveva raccontato la donna, morta all’età di 89 anni, in un’intervista nel 2015, anno in cui  la crisi migratoria in Grecia era particolarmente acuta.

La famiglia di Maritsa Mavrapidou infatti era arrivata a Lesbo dalla Turchia, quando nel 1922 ci fu uno scambio di popolazione tra i due paesi.

“Se stavano male appena scesi dalle barche, li aiutavamo”, aveva detto Maritsa, “Ci comportavamo da esseri umani”.

Le tre donne dell’isola diventate famose passarono mesi a Lesbo nel 2015 per dare una mano ai migranti, portando loro vestiti e pane fatto in casa.

Nella foto, oltre a Maritsa Mavrapidou, ci sono anche la cugina Efstatia, che ha compiuto 95 anni, e Emilia Kamvisi, di 88.

“L’unica consolazione che ho in questa età avanzata è che morirò con la coscienza pulita”, aveva detto nel 2016 Emilia Kamvisi. 

“Siamo pronti a riaprire di nuovo le nostre case e condividere quel poco che abbiamo. Se non dovessimo avere nulla regaleremo loro un abbraccio. Vogliamo vedere ancora i loro sorrisi, ci rendevano così orgogliose e felici”.

L’isola di Lesbo – Da anni le Ong denunciano le condizioni di vita dei migranti che si trovano nell’isola di Lesbo: l’ultimo appello è stato lanciato da Medici Senza Frontiere, secondo cui nel campo di Moria è in corso un’emergenza senza precedenti, sia per la salute fisica che psicologica degli uomini, donne e soprattutto dei bambini che vi sono bloccati.

“Le condizioni di vita spaventose sono alla base del tracollo fisico e psicologico delle persone. Tra i richiedenti asilo ci sono persone vittime di forme estreme di violenza e tortura, subite sia nel loro paese di origine sia durante la fuga. Sono stati gravemente traumatizzati, mentalmente e fisicamente”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Esteri / Il business militare di Amazon con Israele rischia di reprimere i palestinesi: vi sveliamo come
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa