Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:43
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Decine di minori non accompagnati sono rimasti a Calais

Immagine di copertina

Nonostante le autorità francesi abbiano dichiarato concluso lo sgombero del campo, un gruppo di minori è stato costretto a passare la notte in luoghi di fortuna

Lo sgombero del campo profughi di Calais si è concluso nella giornata di mercoledì 26 ottobre, secondo quanto dichiarato dalle autorità francesi. Tuttavia nella notte successiva decine di minori non accompagnati sono rimasti nei pressi della “giungla” di Calais durante la notte dormendo in luoghi di fortuna, secondo quanto riportato dalla stampa straniera.

Si tratterebbe di circa 50 adolescenti, che dopo essere stati spinti a lasciare il campo con la promessa di essere trasferiti, sarebbero poi stati lasciati sul posto, costretti pertanto a trovare riparo in una zona industriale nei pressi del campo profughi.

A seguito di questa vicenda le organizzazioni umanitarie hanno accusato i governi della Francia e del Regno Unito – paese che si era impegnato ad accogliere centinaia di minori non accompagnati – di aver violato i diritti umani dei bambini.

“Abbiamo pregato le autorità francesi di fare davvero qualcosa per i bambini rifugiati e niente è stato fatto”, ha detto alla Bbc Caroline Gregory di Calais Action, un ente di beneficenza britannico, giovedì 27 ottobre. I volontari hanno trovato rifugio per i bambini in un magazzino dove molti dei migranti sono stati accolti e in una scuola di fortuna ricavata nel campo.

A partire dall’inizio dello sgombero lunedì 24 ottobre circa 5.600 migranti sono stati trasferiti in centri d’accoglienza temporanea, secondo le stime fornite dal governo francese. Questo numero include anche i circa 1.500 minori non accompagnati che sono stati ospitati in un container in loco ora pieno, come hanno riferito gli stessi attivisti.

Le squadre di demolizione stanno continuando nel frattempo a smantellare le tende e gli alloggi rimasti nella zona, alcuni dei quali sono stati danneggiati dagli incendi appiccati nelle ultime ore dello sgombero.

— LEGGI ANCHE: IL REGNO UNITO HA ACCOLTO I PRIMI 14 MINORI NON ACCOMPAGNATI PROVENIENTI DA CALAIS

Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra in Ucraina, Germania: "UE verso l'embargo al petrolio russo a giorni". Lavrov: legami con la Cina ancora più forti
Esteri / Fa 8.000 chilometri per raggiungere una ragazza conosciuta su Tinder
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky a Davos: "Stop totale a commercio con la Russia". 007 ucraini: "Putin sfuggito a un attentato due mesi fa". Ergastolo per primo soldato russo a processo
Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra in Ucraina, Germania: "UE verso l'embargo al petrolio russo a giorni". Lavrov: legami con la Cina ancora più forti
Esteri / Fa 8.000 chilometri per raggiungere una ragazza conosciuta su Tinder
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky a Davos: "Stop totale a commercio con la Russia". 007 ucraini: "Putin sfuggito a un attentato due mesi fa". Ergastolo per primo soldato russo a processo
Esteri / Regno Unito, ospita rifugiata ucraina: lascia moglie e figli e scappa con lei
Esteri / Pakistan, due sorelle uccise “per onore” dai suoceri: volevano divorziare dai cugini
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Situazione critica nel Donbass. Mosca ruba il grano". I russi intensificano gli attacchi. Francia: "15-20 anni per Kiev nell'Ue"
Esteri / Afghanistan, le giornaliste sfidano i talebani: in tv a viso scoperto
Esteri / Australia, i laburisti vincono le elezioni
Cinema / Cannes, donna in topless sul red carpet per protesta contro gli stupri in Ucraina | VIDEO
Esteri / Chi sono i tre italiani rapiti in Mali: Rocco Langone, Maria Caivano e il figlio Giovanni