Covid ultime 24h
casi +19.644
deceduti +151
tamponi +177.669
terapie intensive +79

Nove persone sono state accoltellate in un centro commerciale in Minnesota

L'uomo indossava una divisa di ordinanza di una società di sicurezza privata e stringeva fra le mani un coltello. L'attacco è stato rivendicato dall'Isis

Di TPI
Pubblicato il 18 Set. 2016 alle 16:56 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 02:41
0
Immagine di copertina

Nove persone sono state ferite a coltellate in un centro commerciale in Minnesota da un uomo che poi è stato ucciso da un agente fuori servizio. L’aggressione è avvenuta sabato 18 settembre.

Secondo le autorità, l’uomo prima di colpire ha inneggiato ad Allah e poi ha agito colpendo le persone in diversi punti del centro commerciale, che in quel momento era affollato di gente. 

L’aggressore è stato poi bloccato e infine ucciso da un poliziotto fuori servizio. Tuttavia, l’attacco è stato rivendicato dall’Isis, il quale ha precisato tramite l’agenzia di stampa non ufficiale Amaq, che l’aggressore era un loro “soldato”. 

Le autorità hanno poi precisato che nessuno dei feriti è risultato in pericolo di vita. “Abbiamo avuto conferma che l’uomo ha domandato ad almeno una persona se fosse musulmana prima di aggredirla, e prima di attaccare ha inneggiato ad Allah”, ha dichiarato Blair Anderson, il capo della polizia di St. Cloud, una città a un centinaio di chilometri a nord ovest di Minneapolis.

L’attacco è avvenuto nel centro commerciale Crossroads Center di St. Cloud, una cittadina a 97 chilometri da Minneapolis. L’uomo è entrato all’interno dell’edificio intorno alle 8 di sera ora locale, e indossava una divisa di ordinanza di una società di sicurezza privata. 

“All’improvviso abbiamo sentito dei rumori e abbiamo pensato che qualcuno fosse caduto su uno scaffale. Tutti hanno iniziato a correre e a urlare”, ha raccontato un testimone al quotidiano locale di Minneapolis. 

Gli otto feriti sono stati trasportati all’ospedale di St. Cloud ma nessuno ha riportato delle ferite gravi, secondo quanto riferito dal personale medico. 

Intanto continuano le indagini della polizia locale che ha raccolto diverse testimonianze sull’attacco. L’agente di polizia fuori servizio che ha sparato all’aggressore non apparteneva alla giurisdizione di St. Cloud, secondo quanto ha riferito il capo della polizia Anderson, ma non sono state fornite ulteriori informazioni sulla sua identità. 

L’uomo era già stato identificato per piccole infrazioni del codice della strada, ma non era noto alle forze dell’ordine per altri motivi. Intanto, il centro commerciale è rimasto chiuso per la giornata di domenica. 

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.