Covid ultime 24h
casi +24.991
deceduti +205
tamponi +198.952
terapie intensive +125

I blogger del Bangladesh minacciati di morte

Uno scrittore ateo del Bangladesh è stato minacciato di morte tramite un messaggio su Facebook, dopo che altri tre blogger laici sono stati uccisi dall'inizio del 2015

Di Vittoria Vardanega
Pubblicato il 29 Mag. 2015 alle 11:01 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 16:42
0
Immagine di copertina

Tre blogger atei sono stati uccisi in Bangladesh dall’inizio del 2015, e recentemente un altro, Anyana Azad, ha riferito di aver ricevuto minacce di morte tramite un messaggio su Facebook. 

I tre blogger atei Avijit Roy, Ananta Bijoy Das e Washiqur Rahman, sono stati uccisi in seguito a minacce simili, tra il febbraio e il maggio del 2015. Il governo del Paese il 25 maggio ha messo fuori legge il gruppo estremista di matrice islamica Ansarullah Bangla Team (ABT), accusato per i tre omicidi. 

Il padre di Anyana, Humayun Azad – che in un libro da lui pubblicato nel 2003 criticava il fondamentalismo islamico – nel 2004 era stato vittima di un tentato omicidio perpetrato da assalitori sconosciuti, che lo ferirono gravemente. 

Anyana ha seguito le orme del padre, ed è diventato uno scrittore critico delle intolleranze e del fondamentalismo religioso. Proprio per la sua carriera, il suo nome è stato incluso – insieme a quello di altri 83 blogger atei – in una lista inviata al ministro dell’interno del Paese nel 2013 da un gruppo di islamisti radicali.

Il gruppo chiedeva che gli scrittori della lista venissero puniti per le loro affermazioni offensive sull’Islam e sul profeta Maometto. All’epoca, pochi blogger credettero di essere seriamente in pericolo. Ma lo scrittore Annata Bijoy Das, ucciso il 12 maggio, è il terzo nome della lista vittima di omicidio. 

“In molti mi hanno consigliato di smettere di scrivere” ha detto Anyana, che ha 25 anni, e ha lasciato il suo lavoro di giornalista presso un quotidiano del Paese dopo l’omicidio, avvenuto a marzo nella capitale Dhaka, di Washiwur Rahman, secondo blogger incluso nella lista a essere ucciso. 

La scorsa settimana, dopo l’attacco a Das, Anyana ha ricevuto un messaggio su Facebook: “Tu sarai il prossimo. Fai attenzione”.

Anyana non scrive più sul suo blog e cerca di uscire il meno possibile, ma continua a esprimere le sue opinioni sui social media, rivolgendosi a una piccola comunità di lettori che la pensano come lui. 

“Chiunque abbia una visione critica riguardo alla religione qui è a rischio” ha riferito, ma ha anche aggiunto di essere determinato a non farsi ridurre al silenzio. “Forse scrivo con meno frequenza rispetto a prima, ma il contenuto non è cambiato”. 

Qualcuno è scettico riguardo alla lista, e non crede che debba essere presa seriamente, come l’attivista Imran SarkerIn ogni caso, i blogger i cui nomi sono inclusi nella lista hanno riferito che le minacce nei loro confronti sono aumentate dopo la morte di Abijit Roy, un cittadino americano di origini bengalesi, che è stato ucciso a colpi di machete nella capitale del Paese Dhaka, il 26 febbraio 2015. 

“Sia che la lista sia credibile o meno, quando le persone elencate cominciano a morire, le minacce non possono più essere prese alla leggera” ha riferito Shubhajit Bhowmik, un scrittore che si occupa di politica, il cui nome è presente nella lista. “Le minacce sono così frequenti che molti di noi non riescono più a contarle”.  

Il Bangladesh ufficialmente è un Paese laico, e oltre il 90 per cento dei suoi 160 milioni di abitanti è musulmano. 

Nel 2013, poco dopo la pubblicazione della lista, erano scoppiate alcune proteste contro la crescita dell’Islam politico. Il gruppo islamico radicale Hefazat-e-Islam, aveva pubblicamente appoggiato l’esecuzione dei blogger laici organizzatori della protesta. Nel maggio del 2013, il gruppo ha portato avanti una violenta contro-protesta nei confronti dei blogger, durante la quale cinquanta persone persero la vita. 

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.