I miliziani dell’Isis si sono ritirati da Raqqa

Le Forze democratiche siriane, l’alleanza curdo-araba sostenuta dagli Stati Uniti, hanno lanciato la battaglia finale per liberare la città, roccaforte dell'Isis

Di Sara Ahmed
Pubblicato il 15 Ott. 2017 alle 13:37 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 17:46
0
Immagine di copertina

La città di Raqqa è ora sotto il controllo delle Forze democratiche della Siria, l’alleanza curdo-araba sostenuta dagli Stati Uniti, che ha lanciato la battaglia finale per liberare la città, roccaforte dell’Isis.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Le forze democratiche della Siria hanno negoziato la resa dei combattenti siriani dell’Isis. L’obiettivo dell’accordo era quello di ridurre le vittime tra i civili durante il ritiro delle milizie dell’Isis.

Secondo Al Jazeera le milizie del sedicente stato islamico, di cui anche molti foreign fighters, si sono ritirate dalla città tra la notte del 14 ottobre e la mattina del 15 ottobre 2017.

Il portavoce delle Forze democratiche della Siria, Mostafa Bali, ha dichiarato che questa sarà l’ultima battaglia.

I civili sono stati usati come scudi umani dalle milizie per lasciare la città come riportato dall’emittente araba. 

I militari che hanno evacuato la città si stanno dirigendo verso Deir ez Zour e altri territori ancora sotto controllo dell’Isis.

Omar Alloush, membro del Raqqa Civil Council ha dichiarato che ci sono ancora foreign fighters a Raqqa ma che saranno identificati per liberare la città.

Il membro del Raqqa Civil Council ha anche affermato che all’interno della città sono ancora presenti 500 militari dell’Isis e 400 ostaggi tra donne e bambini.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.