Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:52
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

L’assurda morte di un miliardario cinese durante un viaggio d’affari in Francia

Immagine di copertina
Il miliardario cinese Wang Jian

Wang Jian, 57anni, è precipitato da un parapetto su cui era salito per farsi scattare una foto

Una tragica fatalità è costata alla vita al noto miliardario cinese, Wang Jian, 57anni, cofondatore e presidente del gruppo cinese Hna.

Il tycoon è morto oggi in Francia in seguito ad una caduta. A confermarlo è stata la società precisando che Wang “è caduto accidentalmente” mentre, impegnato in un viaggio d’affari in Provenza, aveva deciso di visitare la località turistca di Bonnieux.

Secondo la polizia locale, il miliardario “si è arrampicato su un parapetto per farsi fotografare ed è caduto”, precipitando da un’altezza di 10-15 metri, dove era salito per farsi fare una foto. Sul posto sono accorsi i pompieri che però non sono riusciti a rianimarlo.

Wang muore proprio ora che HNA Group, azienda con interessi che vanno dall’aeronautica alla finanza, stava per lasciare alle spalle il periodo in cui era una delle più indebitate compagnie del Paese; per molti anni simbolo dell’insaziabile espansione cinese all’estero con asset per 230 miliardi di dollari, HNA Group si è recentemente ridimensionata sotto la pressione del governo di Pechino e ha così venduto proprietà immobiliari e azioni per 14 miliardi di dollari, parte delle azioni di Deutsche Bank a inizio anno ma non ha rinunciato al controllo dell’Hilton Worldwide acquisito nel 2016.

Wang era proprietario del 15% delle azioni della HNA, gruppo oggi controllato da una fondazione benefica con base a New York e da un ente dello stesso tipo con sede in Cina che insieme detengono il 52 per cento delle azioni.

Le azioni di Wang andranno ora a questa fondazione benefica newyorkese perché, secondo un documento visionato da Reuters, gli azionisti avevano promesso di lasciare tutto a questi due enti in caso di morte o abbandono della società. Non è chiaro – secondo quanto riporta Il Sole 24 Ore – quanto vincolanti siano queste promesse ma nel caso fossero tali, i due enti benefici acquisirebbero il 67% delle azioni dell’HNA.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Papa Francesco a Lesbo tra i richiedenti asilo: “Fermiamo questo naufragio di civiltà”
Esteri / Orrore in Germania, cinque morti in una casa: tre sono bambini
Esteri / Il canale della morte: il fotoreportage sulla strage nella Manica su TPI
Ti potrebbe interessare
Esteri / Papa Francesco a Lesbo tra i richiedenti asilo: “Fermiamo questo naufragio di civiltà”
Esteri / Orrore in Germania, cinque morti in una casa: tre sono bambini
Esteri / Il canale della morte: il fotoreportage sulla strage nella Manica su TPI
Esteri / Papa Francesco: “La morte va accolta, non somministrata”
Esteri / Studente italiano ucciso a New York, ferito anche un altro connazionale. Arrestato l'aggressore
Esteri / L’addio commosso di Angela Merkel: “Grazie per la fiducia”
Esteri / Copenaghen, 31 persone trascorrono la notte nel negozio Ikea isolato dalla neve
Esteri / Un quiz per scoprire quanto ne sai sull’Hiv (e smontare le false credenze)
Esteri / India, i bambini muoiono per lo smog. Un decesso su dieci sotto i cinque anni è per l’inquinamento
Esteri / Dalla Francia a Israele: le notizie dal mondo di questa settimana