Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 16:09
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Chi è Mike Manley, l’amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles (FCA)

Immagine di copertina
Mike Manley, nuovo ad di Fca

Un profilo dell'uomo che il 21 luglio 2018 ha preso il posto di Sergio Marchionne come ad di FCA

Il 21 luglio 2018, Fiat Chrysler Automobiles (FCA) ha nominato come nuovo amministratore delegato Mike Manley, che ha preso il posto di Sergio Marchionne.

Manley è nato a Edenbridge, nel Regno Unito, nel 1964. La scelta è ricaduta su di lui anche e soprattutto in virtù dei grandi risultati ottenuti come responsabile del marchio Jeep, le cui vendite dal 2009 sono cresciute del 163 per cento.

Manley si è laureato in ingegneria nel 1985 alla Southbank University di Londra, per poi perfezionare gli studi conseguendo un MBA presso l’Ashridge Business School. Ha iniziato a lavorare nel settore dell’auto presso la Swan National Motors di Aberdeen, all’epoca importatore britannico dei marchi Peugeot e Talbot.

Nel 2000 è entrato a far parte di Daimler Chrysler come Direttore per lo Sviluppo della Rete nella filiale del Regno Unito. Nel dicembre del 2008 è stato nominato vice-presidente esecutivo per le vendite internazionali.

In questa posizione, è stato responsabile della pianificazione del prodotto e di tutte le attività di vendita al di fuori del Nord America.

La vera e propria svolta professionale, per Manley, è arrivata però nel 2009, quando è stato scelto come presidente ed amministratore delegato del marchio Jeep, controllato dal gruppo Chrysler.

Dal 2011, Manley è anche membro del Group Executive Council (Gec), un organismo decisionale di Fca che affianca il consiglio di amministrazione.

Dal 2015, Manley ricopre anche la carica di capo di Ram Trucks, il marchio FCA per pick-up e veicoli commerciali, leggeri e pesanti, istituito nel 2009 come divisione di Chrysler Group.

Lo scorso giugno, intervenendo a un evento di Fiat Chrysler, Manley aveva dichiarato: “Consolideremo il marchio per resistere alla concorrenza. Nei prossimi cinque anni entreremo in tre nuovi segmenti: quello dei piccoli uv (utility vehicles), dei pick up e dei grandi suv”, specificando che l’obiettivo della compagnia, in questi comparti, è quello di vendere un milione di veicoli entro il 2022.

Sotto la sua direzione, il marchio Jeep ha ottenuto risultati straordinari, anche grazie a intuizioni come il lancio del modello Renegade.

L’ingresso di Manley, nel 2011, nel Group Executive Council di FCA, ha rappresentato un primo step verso la nomina ad amministratore delegato.

Dopo la morte di Marchionne, gli altri nomi trapelati per il ruolo di ad erano stati quelli di Alfredo Altavilla (responsabile Emea del gruppo), Richard Palmer (direttore finanziario di Fca) e Pietro Gorlier (amministratore delegato di Magneti Marelli).

Mike Manley è considerato un uomo dal carattere decisionista, esigente, talvolta spigoloso ma sempre rispettoso dei propri dipendenti.

Da luglio del 2018 sta affrontando la sfida più affascinante e difficile della sua carriera: non far rimpiangere Sergio Marchionne come ad di Fiat Chrysler e, se possibile, fare addirittura meglio del manager italo-canadese.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Ti potrebbe interessare
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Esteri / Pizza per l’Italia e Chernobyl per l’Ucraina: la gaffe della tv sudcoreana alle Olimpiadi di Tokyo
Esteri / “Una storia horror? Vacanza-studio in Italia”, il tweet di Amanda Knox scatena le polemiche
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”