Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:55
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Quei giovani influencer che invitano i nordafricani a emigrare: “L’Europa è ricca di opportunità”

Immagine di copertina
Zizou Vlogs, uno degli influencer che spingono i nordafricani a migrare verso l'Europa (Credits: Youtube)

Raccontano i loro viaggi clandestini in Europa. Danno consigli, conquistano follower e spingono molti a partire. Ma spesso forniscono un quadro lontano dalla realtà

Migranti, i giovani influencer che invitano nordafricani a emigrare in Europa

Dietro la crisi dei migranti in Europa, con migliaia e migliaia di persone che tentano il viaggio della speranza lasciando l’Africa per cercare fortuna nel Vecchio continente, c’è anche una generazione di giovani influencer che, da tempo, sui social raccontano i loro viaggi illegali all’interno dell’Unione europea invitando i cittadini nordafricani a fare altrettanto. A raccontare il fenomeno è stato l’Economist: “I migranti nordafricani – si legge sul settimanale inglese – condividono da tempo consigli su come entrare illegalmente in Europa e in America. Sui social media offrono una visione romantica della vita dall’altra parte del viaggio. Questi post hanno incoraggiato centinaia di migliaia di nordafricani a intraprendere l’haraga, o migrazione illegale”.

Sui canali social di questi giovani influencer ci sono anche veri e propri video con informazioni pratiche su come attraversare illegalmente i confini e su quali sono le rotte migliori. Ma non solo: non è raro leggere di alcuni agenti delle forze dell’ordine che accettano tangenti per chiudere un occhio alla frontiera, o trovare addirittura numeri e indirizzi di trafficanti e indicazioni su come evitare l’espulsione nel caso si venga scoperti. “Aiuto i nordafricani a superare la barriera della paura e a realizzare il loro sogno di raggiungere l’Occidente”, spiega uno di questi influencer, Murad Mzouri, ex venditore di vestiti in Marocco che ora è diventato un videoblogger da un milione di visualizzazioni al mese.

Alcuni di questi giovani riescono addirittura a fare di questo fenomeno un lavoro. Secondo Matthew Herbert e Amine Ghoulidi, ricercatori dell’Istituto per gli studi sulla sicurezza (organizzazione che ha come obiettivo quello di rafforzare la sicurezza in Africa), i social media sono diventati un incentivo all’emigrazione. “È all’interno di questo grande ecosistema mediatico accessibile a livello regionale – spiegano – che sono sorti contenuti specifici per l’immigrazione irregolare. In primo luogo, con video su YouTube o live-streaming su piattaforme come WhatsApp, FaceTime, Instagram Live e Facebook, questi contenuti guidano la migrazione e la rendono possibile. L’Europa è ritratta come pulita, sicura e piena di opportunità economiche e sociali. Una visione dell’Europa che è l’antitesi della realtà quotidiana per molti nel Maghreb”.

Ciò che colpisce di più, specifica l’Economist, è che il modo di agire di questi influencer si discosta moltissimo dalla solita immagine del migrante povero, senza risorse o strumenti tecnologici, di cui siamo abituati a leggere nelle cronache quotidiane. Allo stesso tempo, uno dei problemi più grandi di questo fenomeno è che l’immigrazione raccontata sui blog è molto diversa dalla realtà che poi i giovani migranti trovano una volta sbarcati in Europa.

Leggi anche:

1. Migranti, Lamorgese: “Il governo invierà in Sicilia militari e navi per quarantena” / 2. La crisi dei migranti e le responsabilità di Gabrielli: cambiano i ministri ma il Capo della Polizia no / 3. Caltanissetta, un centinaio di migranti fuggono dalla quarantena obbligatoia: decine di agenti alla loro ricerca

4. Migranti, il sindaco di Lampedusa: “Dichiaro io lo stato d’emergenza” / 5. Salvini: “Governo sparge migranti infetti per l’Italia per tenerci sotto stato di emergenza” / 6. Nasce il partito delle seconde generazioni di migranti: “Siamo la voce che il Pd non può essere” / 7. Migranti, tensioni nella maggioranza: il Pd chiede un cambio di passo

Ti potrebbe interessare
Esteri / Attacco dell'Iran a Israele: ecco cosa è successo sui cieli del Medio Oriente
Esteri / A Gaza oltre 33.700 morti dal 7 ottobre. Idf colpiscono Hezbollah in Libano. L'Iran: "Non esiteremo a difendere ancora i nostri interessi". La Casa bianca: "Non vogliamo una guerra". L'appello del Papa: "Basta violenza!". Il G7 convocato da Meloni: "Evitare un'ulteriore escalation nella regione". Israele non ha ancora deciso se e quando rispondere all'attacco di Teheran
Esteri / Iran: Pasdaran abbordano una nave "collegata a Israele" | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Attacco dell'Iran a Israele: ecco cosa è successo sui cieli del Medio Oriente
Esteri / A Gaza oltre 33.700 morti dal 7 ottobre. Idf colpiscono Hezbollah in Libano. L'Iran: "Non esiteremo a difendere ancora i nostri interessi". La Casa bianca: "Non vogliamo una guerra". L'appello del Papa: "Basta violenza!". Il G7 convocato da Meloni: "Evitare un'ulteriore escalation nella regione". Israele non ha ancora deciso se e quando rispondere all'attacco di Teheran
Esteri / Iran: Pasdaran abbordano una nave "collegata a Israele" | VIDEO
Esteri / L’ex ambasciatore Usa era una spia a servizio di Cuba: “Condannato a 15 anni di carcere”
Esteri / Australia, accoltella i passanti a Sydney: 6 morti. La polizia: "Non è terrorismo"
Esteri / Usa: Biden interrompe il suo viaggio in Delaware e torna a Washington. Israele chiude le scuole
Esteri / Hong Kong: il portoghese Joseph John è il primo europeo incarcerato ai sensi della legge sulla sicurezza nazionale cinese
Esteri / Anche l’Inghilterra limita la prescrizione ai minori dei farmaci sospensivi della pubertà
Esteri / La strage degli innocenti: i numeri a Gaza non tornano
Esteri / Ciao, ho 30 anni e sono il problema