Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:25
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Quei giovani influencer che invitano i nordafricani a emigrare: “L’Europa è ricca di opportunità”

Immagine di copertina
Zizou Vlogs, uno degli influencer che spingono i nordafricani a migrare verso l'Europa (Credits: Youtube)

Raccontano i loro viaggi clandestini in Europa. Danno consigli, conquistano follower e spingono molti a partire. Ma spesso forniscono un quadro lontano dalla realtà

Migranti, i giovani influencer che invitano nordafricani a emigrare in Europa

Dietro la crisi dei migranti in Europa, con migliaia e migliaia di persone che tentano il viaggio della speranza lasciando l’Africa per cercare fortuna nel Vecchio continente, c’è anche una generazione di giovani influencer che, da tempo, sui social raccontano i loro viaggi illegali all’interno dell’Unione europea invitando i cittadini nordafricani a fare altrettanto. A raccontare il fenomeno è stato l’Economist: “I migranti nordafricani – si legge sul settimanale inglese – condividono da tempo consigli su come entrare illegalmente in Europa e in America. Sui social media offrono una visione romantica della vita dall’altra parte del viaggio. Questi post hanno incoraggiato centinaia di migliaia di nordafricani a intraprendere l’haraga, o migrazione illegale”.

Sui canali social di questi giovani influencer ci sono anche veri e propri video con informazioni pratiche su come attraversare illegalmente i confini e su quali sono le rotte migliori. Ma non solo: non è raro leggere di alcuni agenti delle forze dell’ordine che accettano tangenti per chiudere un occhio alla frontiera, o trovare addirittura numeri e indirizzi di trafficanti e indicazioni su come evitare l’espulsione nel caso si venga scoperti. “Aiuto i nordafricani a superare la barriera della paura e a realizzare il loro sogno di raggiungere l’Occidente”, spiega uno di questi influencer, Murad Mzouri, ex venditore di vestiti in Marocco che ora è diventato un videoblogger da un milione di visualizzazioni al mese.

Alcuni di questi giovani riescono addirittura a fare di questo fenomeno un lavoro. Secondo Matthew Herbert e Amine Ghoulidi, ricercatori dell’Istituto per gli studi sulla sicurezza (organizzazione che ha come obiettivo quello di rafforzare la sicurezza in Africa), i social media sono diventati un incentivo all’emigrazione. “È all’interno di questo grande ecosistema mediatico accessibile a livello regionale – spiegano – che sono sorti contenuti specifici per l’immigrazione irregolare. In primo luogo, con video su YouTube o live-streaming su piattaforme come WhatsApp, FaceTime, Instagram Live e Facebook, questi contenuti guidano la migrazione e la rendono possibile. L’Europa è ritratta come pulita, sicura e piena di opportunità economiche e sociali. Una visione dell’Europa che è l’antitesi della realtà quotidiana per molti nel Maghreb”.

Ciò che colpisce di più, specifica l’Economist, è che il modo di agire di questi influencer si discosta moltissimo dalla solita immagine del migrante povero, senza risorse o strumenti tecnologici, di cui siamo abituati a leggere nelle cronache quotidiane. Allo stesso tempo, uno dei problemi più grandi di questo fenomeno è che l’immigrazione raccontata sui blog è molto diversa dalla realtà che poi i giovani migranti trovano una volta sbarcati in Europa.

Leggi anche:

1. Migranti, Lamorgese: “Il governo invierà in Sicilia militari e navi per quarantena” / 2. La crisi dei migranti e le responsabilità di Gabrielli: cambiano i ministri ma il Capo della Polizia no / 3. Caltanissetta, un centinaio di migranti fuggono dalla quarantena obbligatoia: decine di agenti alla loro ricerca

4. Migranti, il sindaco di Lampedusa: “Dichiaro io lo stato d’emergenza” / 5. Salvini: “Governo sparge migranti infetti per l’Italia per tenerci sotto stato di emergenza” / 6. Nasce il partito delle seconde generazioni di migranti: “Siamo la voce che il Pd non può essere” / 7. Migranti, tensioni nella maggioranza: il Pd chiede un cambio di passo

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza