Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Metodo Assange: così Usa, Russia e Turchia hanno imbavagliato personaggi ritenuti scomodi

Immagine di copertina
Credit: Ansa

Processi infiniti, carcere duro e calunnie. La caccia al fondatore di WikiLeaks ricorda i casi di Navalny in Russia e del filantropo turco Kavala

Non hanno mai ucciso o ferito nessuno, non aderiscono a organizzazioni armate e non sono considerati violenti, eppure sono detenuti in carceri di massima sicurezza dove rischiano di passare il resto della vita. Seppur diverse, un filo sottile unisce le storie di Julian Assange, Osman Kavala e Alexei Navalny ed è il metodo adottato dalla leadership di Usa, Turchia e Russia per mettere il bavaglio a personaggi ritenuti scomodi. Assange ha passato gli ultimi dieci anni a sfuggire a un ordine di cattura emesso negli Usa, dove è ricercato per aver divulgato documenti secretati.

Da quando ha fondato WikiLeaks nel 2006, la sua piattaforma ha pubblicato oltre 400mila rapporti militari segreti relativi alla guerra in Iraq e più di 90mila sul conflitto in Afghanistan. Dopo aver passato quasi sette anni rifugiato nellambasciata dellEcuador a Londra, dal 2019 il 50enne australiano è detenuto nel carcere britannico di massima sicurezza di Belmarsh in attesa di essere estradato negli Usa, dove rischia fino a 175 anni di reclusione. Un trattamento che non fu riservato neanche a Pinochet, a cui Londra concesse i domiciliari.

Kavala è invece in prigione dal 2017. Accusato prima di aver fomentato le proteste di Gezi Park a Istanbul nel 2013, quando tentò una mediazione tra manifestanti e polizia, e poi di aver partecipato al tentato golpe militare del 2016, orchestrato secondo Ankara da unorganizzazione islamista di cui non ha mai fatto parte, lo scorso mese il filantropo turco è stato condannato allergastolo per eversione. Tutto questo nonostante una pronuncia della Corte europea dei diritti delluomo che da tre anni ne chiede il rilascio dal carcere di massima sicurezza di Silivri, dove sono detenuti oppositori politici e terroristi. Anche Navalny è in prigione: sconterà una pena a 9 anni nel carcere di massima sicurezza di Melekhovo, dove sarà trasferito a seguito di una condanna per frode. Ma lattivista era già detenuto da un anno e mezzo: era stato arrestato al ritorno in Russia dopo essere sopravvissuto a un tentativo di avvelenamento presumibilmente compiuto dai servizi di Mosca.

Ognuno è un caso a sé stante, ma le analogie sono inquietanti. Innanzitutto la sfida posta da questi uomini e dalle loro organizzazioni no profit ai tre diversi governi è di natura squisitamente culturale, prima che politica. Lopera di Assange e WikiLeaks ha lo scopo di diffondere documenti ufficiali secretati forniti allorganizzazione da fonti di cui si tutela lanonimato. Tutto in nome del diritto dei cittadini a conoscere la verità. Al contempo la Fondazione per la lotta alla corruzione di Navalny, sciolta nel 2020, si proponeva di divulgare informazioni sulle malversazioni del governo russo a fronte della povertà diffusa nel Paese. La Anadolu Kültür fondata invece da Kavala mira a costruire ponti tra diversi gruppi etnici e religiosi della Turchia, sostenendo iniziative a favore della diversità culturale.

La reazione a questi propositi perseguiti con mezzi pacifici è stata a dir poco brutale. I tre sono detenuti in carceri di massima sicurezza a seguito di procedimenti penali in corso da anni. Alla persecuzione giudiziaria sono poi seguite vere campagne di delegittimazione. Il fondatore di WikiLeaks è stato tacciato di stupro, lattivista russo di corruzione e il filantropo turco di legami criminali. Tutti sono stati accusati di spionaggio per conto di potenze straniere (la Russia nel caso di Assange; gli Usa per Navalny e Kavala).  Non a caso Washington, Mosca e Ankara hanno usato i singoli processi per criticarsi a vicenda: se la Casa Bianca ha condannato lincarcerazione degli oppositori in Russia e Turchia, dallaltra parte è stata sottolineata lipocrisia degli Usa sulla vicenda Assange. Come se la libertà di parola fosse questione di punti di vista.
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il giornalista russo Solovyov ancora contro Draghi: “Non lo ha eletto nessuno”
Esteri / Giappone, 24enne riceve per errore 340mila euro di aiuti per il Covid e se li gioca tutti al casinò
Esteri / Ucraina, soldato russo “ha chiuso la famiglia in uno scantinato e stuprato una ragazza”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il giornalista russo Solovyov ancora contro Draghi: “Non lo ha eletto nessuno”
Esteri / Giappone, 24enne riceve per errore 340mila euro di aiuti per il Covid e se li gioca tutti al casinò
Esteri / Ucraina, soldato russo “ha chiuso la famiglia in uno scantinato e stuprato una ragazza”
Esteri / Drone russo sgancia una granata dentro a un bicchiere di plastica | VIDEO
Cronaca / Mosca espelle 24 diplomatici italiani: “Da Roma azioni ostili e immotivate”
Esteri / Al Congresso Usa si è tenuta la prima audizione sugli Ufo
Esteri / Aereo caduto in Cina, le scatole nere: "È stato fatto precipitare volontariamente"
Esteri / Guerra in Ucraina, Mosca: ripresa colloqui pace improbabile. Gli Stati Uniti riaprono la loro ambasciata a Kiev
Esteri / L’”orbanizzazione” degli Stati Uniti: perché la destra americana guarda sempre più al leader ungherese
Esteri / Goldman Sachs offre ferie illimitate ai dipendenti senior per “riposarsi e ricaricarsi”