Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Mesut Ozil rinuncia al premio mondiale

Immagine di copertina

Lo devolverà in favore di ventitré bambini malati in Brasile e non alla popolazione di Gaza, come era stato erroneamente detto

Il calciatore 25enne della nazionale tedesca e dell’Arsenal Mesut Ozil userà i circa 450mila euro ottenuti con la vittoria del Mondiale per le cure di ventitré bambini malati in Brasile: questo è il suo personale ringraziamento al popolo brasiliano per l’ospitalità ricevuta.

“Visto che la vittoria della Coppa del Mondo (della Germania, ndr) deve essere attribuita a tutta la squadra, e non solo agli 11 in campo, ho deciso di donare il premio vinto a 23 bambini”, ha commentato Ozil con un post sulla sua pagina Facebook ufficiale.

L’opera di beneficenza è stata confermata dal portavoce di Ozil, Roland Eitel. Conferma ritenuta d’obbligo in seguito alla notizia secondo cui il giocatore avrebbe donato il suo premio per aiutare i bambini di Gaza, diffusasi erroneamente ieri sui social media.

Un’indiscrezione probabilmente dovuta al fatto che Ozil, di origine turca, è di religione musulmana ed è considerato da molti un sostenitore della causa palestinese.

“Forse in futuro, chi lo sa?”, ha detto il portavoce Eitel, lasciando aperta la possibilità che un domani Ozil possa aiutare economicamente i bambini di Gaza. Ma non questa volta, in cui ha invece privilegiato il Paese ospitante del Mondiale.

 GUARDA IL VIDEO

Ti potrebbe interessare
Esteri / L’ex presidente ucraino Poroshenko a TPI: “L’Ue non ci basta, ora vogliamo la Nato. Putin? È un criminale”
Esteri / Covid, Kim Jong-un: “Il virus è stato mandato dalla Corea del Sud con i palloncini”
Esteri / Covid trasmesso da gatto all’uomo: il primo caso documentato
Ti potrebbe interessare
Esteri / L’ex presidente ucraino Poroshenko a TPI: “L’Ue non ci basta, ora vogliamo la Nato. Putin? È un criminale”
Esteri / Covid, Kim Jong-un: “Il virus è stato mandato dalla Corea del Sud con i palloncini”
Esteri / Covid trasmesso da gatto all’uomo: il primo caso documentato
Esteri / Guerra in Ucraina, missili su palazzo a Odessa: salgono a 19 le vittime. Mosca: la Nato è tornata a logiche da guerra fredda
Esteri / Nato, nuova gaffe di Biden: il presidente Usa confonde la Svezia con la Svizzera
Esteri / “Per noi è come una violenza sessuale”: a TPI parlano le donne americane a cui è stato tolto il diritto all’aborto
Esteri / Empowerment e agricoltura sostenibile: così le donne rivendicano i propri diritti nella Striscia di Gaza
Esteri / Putin: “Truppe Nato in Finlandia e Svezia? Risponderemo”
Esteri / Guerra in Ucraina, la Russia annuncia il ritiro dall'Isola dei Serpenti. Biden: sosterremo Kiev fino alla fine
Esteri / Viaggio a Suwałki: “Il posto più pericoloso del mondo”. Il reportage di TPI