Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:03
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Un attivista messicano è stato ucciso

Immagine di copertina

L'attivista Miguel Angel Jimenez Blanco si stava occupando del caso degli studenti di Ayotzinapa scomparsi da Iguala lo scorso settembre

Miguel Angel Jimenez Blanco, un attivista messicano, è stato ucciso. Il suo corpo è stato ritrovato l’8 agosto in un taxi di sua proprietà, parcheggiato di fronte alla sua casa a Xaltianguis, una cittadina nello stato di Guerrero, nel sudovest del Paese.

Jimenez Blanco si stava occupando del caso degli studenti di Ayotzinapa scomparsi da Iguala il 26 settembre 2014. Secondo quanto hanno dichiarato le autorità, i giovani furono uccisi e poi bruciati da una gang criminale, su ordine di poliziotti locali corrotti. I loro corpi – ad eccezione di quello del 19enne Alexander Mora Venancio – non sono ancora stati ritrovati.

L’attivista aiutava i familiari delle vittime a cercare i corpi degli studenti nella regione di Iguala. Nel corso delle ricerche, sono stati ritrovati 129 cadaveri, appartenenti ad altre vittime della violenza che dilaga nel Paese. Jimenez Blanco aveva così deciso di fondare il gruppo Gli altri scomparsi, per aiutare i familiari di tutte le persone vittime di sparizioni forzate in Messico.

Lo stato di Guerrero è teatro di una vera e propria guerra tra narcotrafficanti e gang criminali rivali. Nel Paese, sono scomparse oltre 20mila persone, ma spesso i familiari non denunciano i casi di sparizioni forzate per paura di possibili ritorsioni.

Solamente nell’ultimo fine settimana, sono state uccise 15 persone secondo quanto riporta la Bbc. La regione era stata definita da Jimenez Blanco “un vero e proprio cimitero”.

Nel 2013 l’attivista, insieme ad altri leader locali, aveva formato gruppi di auto-difesa, con l’obbiettivo di proteggere la popolazione locale dalla violenza delle gang criminali locali. Formato da cento donne munite di armi, il gruppo pattugliava le strade di Xaltianguis. Secondo Jimenez Blanco, la polizia messicana non riusciva a proteggere la popolazione locale e spesso era complice dei criminali stessi. 

— Leggi anche: Un fotoreporter messicano è stato ritrovato morto

— In Messico sono state ritrovate 60 fosse comuni

— Non sparate, siamo bambini

Ti potrebbe interessare
Esteri / Ambiente, lavoro, giovani e cannabis legale: la Germania prepara la rivoluzione culturale che investirà l’Europa
Esteri / L’addio commosso di Angela Merkel: “Grazie per la fiducia”
Esteri / Copenaghen, 31 persone trascorrono la notte nel negozio Ikea isolato dalla neve
Ti potrebbe interessare
Esteri / Ambiente, lavoro, giovani e cannabis legale: la Germania prepara la rivoluzione culturale che investirà l’Europa
Esteri / L’addio commosso di Angela Merkel: “Grazie per la fiducia”
Esteri / Copenaghen, 31 persone trascorrono la notte nel negozio Ikea isolato dalla neve
Esteri / Un quiz per scoprire quanto ne sai sull’Hiv (e smontare le false credenze)
Esteri / India, i bambini muoiono per lo smog. Un decesso su dieci sotto i cinque anni è per l’inquinamento
Esteri / Dalla Francia a Israele: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Esteri / Bradley Cooper minacciato nella metropolitana di New York: “Aggredito con un coltello”