Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

McDonald’s ha servito latte avariato a una donna all’ottavo mese di gravidanza

Immagine di copertina

L'episodio è accaduto ad Alberta, in Canada. "Voglio che i miei diritti di consumatrice siano rispettati", ha dichiarato la madre

Sarah Douglas è all’ottavo mese di gravidanza. Il pomeriggio di domenica 29 luglio, mentre si trovava in un drive-in ad Alberta, in Canada, ha ordinato un caffè. Ha pagato ed è uscita dal locale di McDonald’s.

Ha assaggiato il contenuto del bicchiere solo più tardi, quando era già in macchina e ha scoperto che il liquido non era un cappuccino.

“Ho dovuto inserire subito le luci di emergenza, accostare e sputare fuori dal finestrino quello che avevo bevuto”, ha detto Sarah Douglas al sito Lethbridge News Now, che ha raccontato la storia. “Ho sciacquato la bocca con un po’ d’acqua che, per fortuna,  avevo in macchina”.

Quando ha aperto la confezione, ha scoperto che nel bicchiere non c’era un cappuccino ma un liquido marrone. Ha fermato la macchina, è tornata indietro e ha chiesto di potere parlare con il responsabile del punto vendita.

“Gli ho mostrato il caffè e ne ho chiesto uno nuovo”, ha ricordato. “E il supervisor mi ha risposto che quanto successo era assolutamente inaccettabile”.

“Il nostro team si è subito messo in contatto con la cliente per scusarsi. L’ispettore sanitario ha visitato il ristorante e non ha riscontrato nessun problema. McDonald’s è rinomato per le sue politiche di controllo sul cibo e mi dispiace che questo sia successo proprio nel mio ristorante”, ha detto Dan Brown, il proprietario del franchisee.

Secondo la ricostruzione della vicenda, quella mattina la macchina del caffè era stata pulita ma, quando la bevanda è stata preparata, il latte era stato unito alla sostanza usata per pulire, che era rimasta ancora in funzione.

“Come madre, voglio essere sicura di aver voce e che i miei diritti di consumatrice siano rispettati”, ha detto Sarah Douglas che, il giorno dell’incidente, stava accompagnando suo figlio a una partita di basket.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Cronaca / Russia, incidente in una miniera di carbone in Siberia: 52 morti
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Cronaca / Russia, incidente in una miniera di carbone in Siberia: 52 morti
Esteri / Covid, la nuova variante Omicron è arrivata in Europa: primo caso rilevato in Belgio
Esteri / Dalla Germania alla Cina: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Corea del Nord: condannato a morte per aver importato una copia di Squid Game
Esteri / Le storie dei lavoratori che sfidano Amazon nel giorno del Black Friday
Cronaca / Sudafrica, rilevata nuova variante Covid-19: “Minaccia grave”
Esteri / Iran, uccise la fidanzata a 17 anni: impiccato 25enne. Amnesty: “Ha confessato sotto tortura”
Esteri / La nuova Germania di Olaf Scholz: lotta alla crisi climatica, salario minimo e cannabis legalizzata