Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:54
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il matrimonio di una sposa bambina è stato fermato grazie a Facebook

Immagine di copertina
Una precedente versione dell'articolo riportava erroneamente una foto di damigelle e non spose bambine.

Le foto diffuse dai parenti della 13enne sono diventate virali, provocando la reazione della polizia che ha interrotto la cerimonia poche ore dopo l'inizio

Un matrimonio tra una bambina di 13 anni e un ragazzo di 27 è stato impedito nella periferia di Tetouan, città da circa 400mila abitanti situata nella parte settentrionale del Marocco. La polizia è intervenuta poche ore dopo l’inizio della cerimonia, dopo che i parenti della bambina avevano cominciato a postare su Facebook le foto della festa.

Come riporta Morocco World News, è stata proprio la diffusione delle immagini a creare un’indignazione tale sul web da rendere la notizia virale e permettere ai parenti del padre della bambina di avvertire le forza di polizia.

Nelle immagini postate sul social network, oltre la torta, i fiori e i parenti in festa, si vedeva anche la sposa in abito bianco. Una sposa però dai tratti somatici troppo infantili per poter avere l’età legale per il matrimonio.

In Marocco la questione delle spose bambine è ancora oggetto di polemiche, ma dal 2004  la Moudawana, la legge sul diritto di famiglia marocchina, stabilisce che per sposarsi siano necessari 18 anni d’età.

Sono così cominciate le segnalazioni agli agenti di polizia che hanno fatto irruzione a “Palais des Roses”, l’hotel dove era in corso la cerimonia.

La madre della 13enne, all’insaputa del marito gravemente malato, aveva organizzato tutto per dare in sposa la figlia. La donna ha inizialmente provato a spiegare agli agenti che la bambina era consenziente e che nessuno l’aveva obbligata.

Quando gli agenti della polizia hanno fatto presente per che sposarsi bisogna avere almeno 18 anni, la donna ha provato a minimizzare, sostenendo che si trattava soltanto di una promessa di matrimonio in attesa che la figlia compisse i 18 anni.

La polizia ha poi trasferito gli atti al procuratore del re che dovrà decidere cosa fare.

Secondo le più recenti statistiche del ministero della Giustizia marocchino, il numero delle spose bambine nel 2014 in Marocco ha raggiunto i 33mila casi.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Ti potrebbe interessare
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Cronaca / Russia, incidente in una miniera di carbone in Siberia: 52 morti
Esteri / Covid, la nuova variante Omicron è arrivata in Europa: primo caso rilevato in Belgio
Esteri / Dalla Germania alla Cina: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Corea del Nord: condannato a morte per aver importato una copia di Squid Game
Esteri / Le storie dei lavoratori che sfidano Amazon nel giorno del Black Friday
Cronaca / Sudafrica, rilevata nuova variante Covid-19: “Minaccia grave”