Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Matrimoni tra Egitto e Palestina

Immagine di copertina

Per attraversare il confine tra la Striscia di Gaza e l'Egitto molte coppie di sposini usano i tunnel usati per il contrabbando

Sono sempre di più le giovani coppie costrette a dover utilizzare i tunnel che collegano la Striscia di Gaza all’Egitto per sposarsi in Palestina, in mancanza di un permesso di attraversamento ufficiale delle autorità egiziane.

Sposarsi in Palestina è certo tutta un’altra cosa. Emad al-Malalha, 21, e Manal Abu Shanar, 17, lui palestinese di Gaza e lei egiziana di Rafah, fidanzati da sei mesi e costretti a potersi sentire solo al telefono, decidono di celebrare in fretta le nozze e di farlo proprio nella Striscia, nella città di origine del giovane sposo.

Le autorità egiziane fin da subito rifiutano di rilasciare il permesso di ingresso a Manal, impedendo così di fatto la celebrazione del matrimonio. Ma i giovani innamorati rimangono determinati a volersi sposare e pensano ad una soluzione estrema: i tunnel sotterranei che uniscono l’Egitto alla Striscia e che vengono utilizzati ogni giorno per il trasporto di medicinali, vestiti, viveri e armi.

E così la giovane donna con tanto di abito bianco da sposa si cala in profondità del tunnel, ad attenderla il fidanzato Emad, giacca nera, cravatta rossa e scarpa elegante, e mano nella mano attraversano qualche centinaio di metri tra terra e polvere per riemergere in Palestina, dove ci sono amici a parenti.

Ma i due non sono i primi: i tunnel che dal 2007 aggirano l’embargo che pesa sulla Striscia di Gaza vengono da qualche tempo attraversati da un numero sempre più crescente di giovani palestinesi in cerca di una donna egiziana da sposare a buon mercato. Pare infatti che la dote chiesta da una famiglia egiziana sia di gran lunga più economica di quella palestinese.

Di sicuro però sposarsi da queste parti rimane un affare rischioso: a causa dei bombardamenti da parte di Israele che tenta di porre fine allo smercio illegale di armi, i tunnel sono passati da 3 mila a 150. Intanto i proprietari privati dei tunnel hanno deciso di alzare il prezzo del transito, arrivando a chiedere alle giovani coppie di sposini fino a 1.200 euro. Sposare una donna egiziana potrebbe diventare non più molto conveniente.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, Johnson annuncia la fine delle restrizioni: ma la pandemia corre ancora
Esteri / Eruzione Tonga, Nasa: “500 volte più potente della bomba atomica su Hiroshima”
Esteri / Tonga: arrivano i primi aiuti dopo l’eruzione, ma le autorità temono che i soccorritori possano portare uno “tsunami di Covid”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, Johnson annuncia la fine delle restrizioni: ma la pandemia corre ancora
Esteri / Eruzione Tonga, Nasa: “500 volte più potente della bomba atomica su Hiroshima”
Esteri / Tonga: arrivano i primi aiuti dopo l’eruzione, ma le autorità temono che i soccorritori possano portare uno “tsunami di Covid”
Esteri / Nizza, spari in centro durante un blitz della polizia: un morto
Esteri / Gerusalemme, primo sfratto da cinque anni a Sheikh Jarrah: Israele demolisce la casa di una famiglia palestinese
Esteri / Ucraina, Blinken invita Putin a scegliere una via pacifica
Esteri / Arrestati in Congo gli assassini dell’ambasciatore Attanasio. “Volevano rapirli”
Esteri / Regno Unito, al via test per settimana lavorativa di 4 giorni
Esteri / Covid, in calo i contagi nel Regno Unito. L’Oms: “La fine della pandemia non è lontana”
Esteri / Roberta Metsola è la nuova presidente del Parlamento Europeo: “Onorerò David Sassoli”