Covid ultime 24h
casi +8.561
deceduti +420
tamponi +143.116
terapie intensive +21

Caso Caruana, il premier di Malta Muscat: “Mi dimetterò dopo il 12 gennaio”

Di Anton Filippo Ferrari
Pubblicato il 1 Dic. 2019 alle 20:39 Aggiornato il 1 Dic. 2019 alle 20:47
0
Immagine di copertina

Il premier maltese Joseph Muscat ha annunciato la sua intenzione di dimettersi a gennaio 2020, prendendo atto delle crescenti pressioni dell’opinione pubblica dopo l’omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia. “È quello di cui ha bisogno il Paese in questo momento”, ha detto in un discorso televisivo il politico. Muscat ha spiegato che lascerà quando il partito laburista sceglierà un nuovo leader, in un processo che si avvierà il 12 gennaio 2020.

“Ho promesso giustizia nel caso di Daphne Caruana Galizia. Ho mantenuto la mia parola, abbiamo tre persone accusate del suo omicidio e anche la presunta mente incriminata”, le parole del premier che ha poi precisato di aver sempre preso “decisioni nell’interesse del bene comune”.

Poi una “rassicurazione”: “Nessuno è al di sopra della legge. Un giornalista è stato ucciso nel modo più crudele. Gli eventi degli ultimi giorni sono stati straordinari. La rabbia è giustificata e non può mai esserci giustificazione per questo crimine”. Infine una precisazione: “La violenza e il disordine con la scusa di una protesta non sono accettabili”.

Leggi anche:

Omicidio Daphne Caruana Galizia, il re dei casinò pagò 150mila euro per i sicari. L’Ue manda una missione urgente

L’inchiesta sull’omicidio di Daphne Caruana Galizia fa tremare il governo di Malta

Daphne Caruana Galizia, il figlio a TPI: “La sua battaglia non è ancora finita”

Chi era Daphne Caruana Galizia e chi la voleva morta

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.