Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 01:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Mago indiano tenta il trucco di Houdini in un fiume: scomparso nelle acque

Immagine di copertina

Mago indiano tenta il trucco di Houdini nel fiume: scomparso nelle acque

Mago indiano scomparso nel fiume – Un mago indiano ha tentato di replicare il famoso trucco di Houdini facendosi calare in un fiume con mani e piedi legati, ma l’esito è stato drammatico: l’uomo, infatti, non è più riemerso dalle acque.

Chanchal Lahiri, 41 anni, conosciuto in patria con il nome d’arte di Mandrake, ha tentato il numero nella giornata di domenica 16 giugno nel fiume Hoogly, a Calcutta, in India.

L’illusionista si è fatto calare nelle acque con le braccia e le gambe bloccate da sei lucchetti per tentare di replicare il numero di magia che ha reso celebre Harry Houdini, uno degli illusionisti più famosi di sempre.

Sul luogo erano accorse anche diverse persone, rimaste scioccate dopo aver realizzato che il mago non era più riemerso.

Sia la polizia che una squadra di sommozzatori sono ancora alla ricerca del corpo.

Gli inquirenti affermano che non possono dichiarare deceduto il mago finché non trovano il cadavere, ma è evidente che non vi siano più speranze di ritrovare vivo l’illusionista.

Lahiri aveva già provato lo stesso numero nel 2013. In quell’occasione, Mandrake era stato rinchiuso in una gabbia di vetro sigillata e gettato sempre nelle acque del fiume Hoogly.

L’illusionista riuscì a emergere dopo 29 secondi, ma fu accusato di aver utilizzato una porta laterale che, secondo i più, era facilmente individuabile.

Ecco perché Mandrake aveva voluto replicare il trucco, stavolta senza gabbia.

“Se riesco a liberarmi, sarà magico. Se non potrò farlo, sarà tragico” così aveva presentato il numero Lahiri, profetizzando la sua fine.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Siria, bimba di 8 anni salvata dopo 40 ore sotto le macerie del terremoto
Esteri / ‘Ndrangheta, arrestato a Bali Antonio Strangio: era latitante da 7 anni
Esteri / Siria, miracolo dopo il terremoto: salvata una bambina nata sotto le macerie
Ti potrebbe interessare
Esteri / Siria, bimba di 8 anni salvata dopo 40 ore sotto le macerie del terremoto
Esteri / ‘Ndrangheta, arrestato a Bali Antonio Strangio: era latitante da 7 anni
Esteri / Siria, miracolo dopo il terremoto: salvata una bambina nata sotto le macerie
Esteri / Siria devastata dal terremoto, ma la figlia di Assad avverte: “Non inviate aiuti alle zone controllate dai ribelli”
Esteri / Terremoto in Turchia e Siria: nuova scossa 5.3 a Dogansehir. Le vittime sono più di 11.000
Esteri / Terremoto in Turchia, evasi 20 affiliati dell’Isis detenuti in Siria
Esteri / Terremoto in Turchia, estratti vivi dopo 28 ore una mamma e i suoi tre figli
Esteri / Qatargate, le pressioni di Panzeri per fermare la nomina Ue di Di Maio
Esteri / Terremoto in Turchia, morto il portiere Türkaslan: sui social la struggente reazione delle moglie
Esteri / Terremoto in Turchia: la scossa potente come 130 bombe atomiche, oltre 5.100 i morti