Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 15:27
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

400 persone devono lasciare Madaya, in Siria, per essere curate

Immagine di copertina

La città siriana è sotto assedio del regime siriano da ottobre 2015. Per la prima volta da allora, ha potuto ricevere i primi aiuti umanitari

Circa 400 persone che si trovano a Madaya, in Siria, dovranno lasciare la città per ricevere cure mediche, secondo quanto ha riferito il responsabile Onu per gli affari umanitari, Stephen O’Brien.

Madaya si trova sulle montagne, a 25 chilometri dalla capitale siriana di Damasco, ed è controllata dai ribelli siriani anche se da ormai oltre tre mesi è completamente assediata dalle truppe governative fedeli ad Assad.

Lunedì 11 gennaio 2016 è arrivato il primo convoglio di aiuti umanitari da ottobre dello scorso anno, che ha permesso di far pervenire cibo per 20mila persone all’interno della città.

Questo è potuto avvenire solo dopo che il regime di Assad ha concesso il passaggio di aiuti umanitari verso la città, dove la popolazione è priva di cibo e medicinali, e già 23 persone sono morte di fame.

Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, sarebbero almeno 300 i bambini che soffrono di fame. 

Il capo della Croce Rossa  a Damasco, Pawel Krysziek, aveva infatti documentato una situazione a Madaya estremamente complessa, in cui cibo, medicinali, elettricità e carburante erano ormai esauriti.

Alcune testimonianze raccolte da Al Jazeera, addirittura, avevano raccontato di persone che pur di sopravvivere erano costrette a mangiare foglie e erba.

Complessivamente, sono 4,5 milioni le persone in Siria che vivono in luoghi difficili da raggiungere, tra cui 400mila siriani che non hanno accesso ad aiuti in grado di salvare la loro vita.

La guerra civile in Siria, che va avanti da cinque anni, finora ha provocato la morte di oltre 250mila persone.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Esteri / Afghanistan: 8 fratellini orfani morti di fame. L’allarme di Save The Children: “Paese sull’orlo della carestia”
Esteri / I Maneskin alla conquista degli Usa: apriranno il concerto dei Rolling Stones a Las Vegas
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Esteri / Afghanistan: 8 fratellini orfani morti di fame. L’allarme di Save The Children: “Paese sull’orlo della carestia”
Esteri / I Maneskin alla conquista degli Usa: apriranno il concerto dei Rolling Stones a Las Vegas
Esteri / Allarme in Europa: rubate le chiavi per generare Green pass. Nel dark web quello “funzionante” di Hitler
Esteri / Scandalo Facebook, Zuckerberg a un passo delle dimissioni
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"