Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

“Hai i capelli come una donna”, dipendente licenziato dalla British Airways

Immagine di copertina

"Mi è stato detto che non potevo portare i capelli raccolti in una coda perché solo le donne lo fanno", ha commentato Sid Ouares, il protagonista della vicenda

Un uomo di 26 anni è stato licenziato dalla sua azienda a causa della sua acconciatura, considerata troppo femminile. È la storia di Sid Ouared, ex dipendente della British Airways, che ha accusato la nota compagnia aerea di sessismo.

Secondo il racconto del giovane, gli sarebbe stato intimato di modificare la propria capigliatura, considerata appropriata per una donna ma non per un uomo. La richiesta, cui è stato opposto un fermo rifiuto, è stata quella di tagliare i capelli, altrimenti considerati troppo lunghi e in contrasto con la policy aziendale.

“I tuoi capelli sono come quelli di una ragazza”, ha raccontato di essersi sentito dire da uno dei suoi capi.

“Di base mi stavano dicendo: ‘Tagliali oppure sistemali in un turbante come un Sikh, oppure in dei dread come un Rastafariano’. Ma io non sono nulla di tutto questo e non posso credere che volevano obbligarmi a portare i miei capelli in un modo che non mi rappresenta”, ha affermato Ouared.

Il ragazzo aveva ottenuto il lavoro solo da due settimane ed è stato licenziato in tronco. “Mi è stato detto che non potevo portare i capelli raccolti in una coda perché solo le donne lo fanno. Quindi, visto che non sono una donna, ciò non mi è consentito. Ma questo è sessismo. Centinaia di donne che lavorano per la British Airways portano i capelli così, esattamente come me. E io, invece, sono stato discriminato per questo”.

“Siamo fermi agli anni Settanta”, ha commentato l’ex dipendente addetto al servizio clienti.

Sull’episodio un portavoce della compagnia aerea ha affermato: “Non rilasciamo commenti su un caso isolato”.

Secondo la policy della British Airways, la coda è permessa agli uomini soltanto per raccogliere i dread, mentre le donne possono scegliere di acconciare i capelli in più modi: in una coda, una cipolla o sciolti.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Canada, scoperta una nuova fossa comune di bambini indigeni: resti di 761 persone
Costume / Lettonia, sosia dei Maneskin nella pubblicità della mozzarella e della pizza
Esteri / Scienziato Usa trova prime sequenze del virus: "Cancellate su richiesta dei cinesi"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Canada, scoperta una nuova fossa comune di bambini indigeni: resti di 761 persone
Costume / Lettonia, sosia dei Maneskin nella pubblicità della mozzarella e della pizza
Esteri / Scienziato Usa trova prime sequenze del virus: "Cancellate su richiesta dei cinesi"
Esteri / Orban: "La nostra legge non è contro i gay ma sulle famiglie, non la ritiriamo"
Esteri / Miami, crolla palazzo di 12 piani in zona residenziale: “Si temono molte vittime”
Esteri / Morto in carcere il “papà” del primo antivirus per computer
Esteri / Un web designer ha chiamato suo figlio HTML
Esteri / Così il dittatore torna “utile”: l’Ue offre 3,5 miliardi alla Turchia di Erdogan per bloccare i migranti
Esteri / Britney Spears: “Basta tutela paterna, rivoglio la mia vita”. E porta in tribunale la famiglia
Esteri / Scuole bombardate e senza corrente elettrica: a Gaza iniziano gli esami di maturità