Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:46
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Libia, aumentano le vittime degli scontri a Tripoli. L’Oms: “Almeno 562 morti e oltre duemila feriti”

Immagine di copertina

Libia news guerra | Il bilancio delle vittime dell’Oms. Sono almeno 562 i morti e 2855 i feriti dell’ultimo bilancio degli scontri a Tripoli, aggiornamento delle conseguenze della guerra civile stilato dall’Organizzazione mondiale della Sanità.  Secondo l’agenzia Onu, i civili uccisi da inizio aprile sono 40 mentre quelli feriti sono 106.

La situazione in Libia è precipitata dallo scorso 3 aprile, quando il maresciallo Khalifa Haftar, l’uomo forte della Cirenaica a capo dell’Esercito nazionale libico, ha iniziato la sua offensiva contro Tripoli, la capitale del paese e la sede del Governo di unità nazionale guidato da Fayez al Serraj. Il premier libico, il cui esecutivo è l’unico riconosciuto dalle Nazioni Unite, ha risposto schierando le forze a lui fedeli per contrastare l’avanzata del maresciallo, che nei primi momenti del conflitto aveva guadagnato velocemente terreno. (Qui a che punto è la guerra in Libia)

Nel dare l’annuncio dell’imminente avanzata contro la capitale, il maresciallo aveva dichiarato che il suo obiettivo era combattere “terroristi, criminali e bande armate”. (Qui il nostro commento)

Il 25 maggio, secondo quanto riportato dal sito Libya Observer e dalla tv Al Jazeera, il conflitto è ripreso anche nella parte sud di Tripoli tra le forze governative e gli uomini del generale Khalifa Ḥaftar. Gli scontri sono ripresi sulla via dell’aeroporto, uno dei punti strategici, chiuso dal 2014 e distante circa 30 chilometri dalla capitale, che entrambe le parti cercano di conquistare.

Le alleanze internazionali. Il conflitto in Libia ha diviso anche le cancellerie internazionali lungo due fronti contrapposti: da un lato l’Onu, Qatar e Turchia che sostengono il premier Serraj; dall’altra Egitto, Emirati Arabi Uniti, Ue e più indirettamente Russia, Stati Uniti e Francia che appoggiano il generale Haftar. 

A testimoniare la vicinanza di Mosca e Parigi al maresciallo sono state alcune visite compiute da delegazioni di Haftar nelle due capitali per incontrare i relativi capi di Stato e ottenerne l’appoggio, anche militare nel caso della Russia.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Tragedia in Francia: morti 7 bambini e la loro madre in un incendio. Grave il padre
Esteri / Terremoto: colpita anche Aleppo, già martoriata dalla guerra civile | VIDEO
Esteri / Terremoto in Turchia, le immagini della devastazione | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Tragedia in Francia: morti 7 bambini e la loro madre in un incendio. Grave il padre
Esteri / Terremoto: colpita anche Aleppo, già martoriata dalla guerra civile | VIDEO
Esteri / Terremoto in Turchia, le immagini della devastazione | VIDEO
Esteri / “Putin mi ha promesso che non ucciderà Zelensky”: il racconto dell’ex premier israeliano
Esteri / Papa Francesco, concluso il viaggio in Africa: “I cristiani possono cambiare la storia”
Esteri / La Cina minaccia “azioni in risposta” all’abbattimento del pallone spia che sorvolava gli Stati Uniti
Esteri / Nonna si tatua tutto il corpo (tranne il viso): “Orgogliosa di essere una tela vivente”
Esteri / Stati Uniti, abbattuto il pallone-spia cinese. La Difesa: “Sorvegliava siti strategici”
Esteri / La svolta autoritaria di Netanyahu rischia di trasformare Israele in una democratura
Esteri / Dal gas ai fertilizzanti: così la guerra di Putin sconfina nel Sahara