Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:48
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Libia, avanzata di Haftar verso Tripoli. L’Eni evacua il personale italiano

Immagine di copertina

Dopo l’annuncio del generale Khalifa Haftar di volere avanzare verso Tripoli, l’Eni ha deciso di evacuare il personale italiano presente in Libia dove da mercoledì 3 aprile sono in corso scontri tra i militari di Haftar e le milizie di Zintan e Misurata fedeli a Fayez Serraj, il premier del governo di unità nazionale.

Ieri, 5 aprile 2019 il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres ha incontrato a Bengasi il generale ed è ripartito dalla Libia lanciando un tweet amaro: “Riparto con il cuore pesante”.

Secondo fonti dell’Eni si tratta di “una decisione precauzionale“, come già avvenuto in altre occasioni. Il personale italiano della compagnia petrolifera in Libia è presente a Tripoli, nel giacimento di Wafa, in Tripolitania, e in quello di El Feel, a sud. L’evacuazione è avvenuta in raccordo con la Farnesina.

Il Libyan national army (Lna) di Haftar, ha lanciato un’offensiva verso l’Ovest del Paese, con l’obiettivo dichiarato di “liberare dal terrorismo Tripoli”, controllata dal Governo di accordo nazionale di al Serraj.

L’Unione europea, in un comunicato congiunto firmato da Italia, Francia, Stati Uniti, Regno Unito ed Emirati Arabi Uniti, ha espresso la sua preoccupazione affermando che “si rischia ad arrivare a uno scontro incontrollabile”.

>Libia, anche l’Italia firma il comunicato congiunto sui combattimenti nei pressi di Gharyan

>Libia, scontri tra milizie di Haftar e al Sarraj. Segretario generale Onu: “Riparto col cuore pesante”

Ti potrebbe interessare
Esteri / Associated Press chiede un’inchiesta indipendente sul bombardamento del palazzo dei media a Gaza
Esteri / “Bill Gates ha lasciato la presidenza Microsoft a causa di una relazione con una dipendente”
Esteri / Gerusalemme, crolla la tribuna di una sinagoga: almeno 2 morti e 130 feriti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Associated Press chiede un’inchiesta indipendente sul bombardamento del palazzo dei media a Gaza
Esteri / “Bill Gates ha lasciato la presidenza Microsoft a causa di una relazione con una dipendente”
Esteri / Gerusalemme, crolla la tribuna di una sinagoga: almeno 2 morti e 130 feriti
Esteri / Giornalista palestinese incinta uccisa dalle bombe a Gaza: aveva 30 anni
Esteri / Nuovi raid su Gaza e razzi su Israele. L’Autorità palestinese: “Finora abbiamo avuto 220 morti”. Ucciso alto comandante Jihad Islamica
Esteri / La torre Al Jala, sede di Ap e Al Jazeera, si sbriciola in una nuvola di fumo
Esteri / Pioggia di razzi su Tel Aviv, Israele reagisce con 150 raid aerei. Netanyahu: "Ci vorrà ancora tempo ma ce la faremo"
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace