Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Libano, il Governo introduce la tassa sulle telefonate via Whatsapp

Immagine di copertina

Prelievo da 20 centesimi di dollari su ciascuna chiamata: lo Stato mira a incassare 216 milioni all'anno

Libano, il Governo introduce la tassa sulle telefonate via Whatsapp

A partire dal primo gennaio 2020 in Libano le telefonate via Whatsapp, verranno fatte pagare 20 centesimi di dollari l’una. Lo stesso avverrà per tutte le altre telefonate effettuate tramite sistemi di Voip (Voice over the Internet protocol). I soldi generati dalle conversazioni telefoniche finiranno nelle casse dello Stato.

Il provvedimento è stato deciso dal Ministero dell’Informazione di Beirut. Lo scopo della nuova tassa è quella di aumentare le entrate in vista del bilancio del 2020.

Il numero di utenti Voip in Libano è stimato in circa tre milioni. Stimando una media di sei chiamate al giorno a testa per ogni cittadino, con il pagamento della tassa di 20 centesimi a chiamata, il governo dovrebbe riuscire a incassare circa 216 milioni all’anno.

Non appena la notizia è stata diffusa, sui social network si sono subito scatenate le polemiche, dal momento che le chiamate fatte attraverso Internet sono perlopiù gratuite, o comunque già comprese all’interno del piano tariffario.

La parlamentare libanese Paula Yacoubian si è detta solidale con chi ha protestato e contraria alla tassa annunciata dal governo del Libano sulle telefonate tramite Whatsapp e internet.”Il popolo non pagherà una sola sterlina libanese per (comunicare sulla) piattaforma su cui insulta i politici”, ha detto.

Anche il cantante libanese Ragheb Alama, famoso in tutto il paese, ha rilasciato un commento provocatorio nei confronti del governo, invitandolo a “far pagare una tassa sull’aria inquinata che respira la gente”.

Arriva la “tassa sulla pipì” in bar e ristoranti: la proposta di legge approvata dalla Regione Lazio

Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce