Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 14:40
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Erdogan ha cestinato l’insolita lettera con cui Trump voleva fermare l’offensiva in Siria

Immagine di copertina

Erdogan ha cestinato la lettera di Trump che voleva fermare l’offensiva in Siria

“Non fare lo stupido”: così il presidente Usa Donald Trump si rivolge a Erdogan in una lettera indirizzata al collega turco il 9 ottobre scorso, poche ore prima dell’offensiva della Turchia nel nord della Siria. Lettera che il presidente turco ha cestinato, a quanto si apprende dalla Bbc.

Il contenuto della lettera

“Cessate il fuoco o preparatevi a sanzioni devastanti”. Mentre il vicepresidente statunitense Mike Pence e il segretario di Stato Mike Pompeo volano in Turchia per una serie di colloqui d’emergenza, Donald Trump è tornato mercoledì a minacciare Ankara di “devastare l’economia turca“.

Una replica di quanto il presidente statunitense aveva già scritto in una lettera datata 9 ottobre e indirizzata all’omologo Erdogan: a rendere pubblico il documento è stata Fox news, ma i toni sono così informali che molti, inizialmente, l’avevano scambiata per un falso.

Il rifiuto di Erdogan

Erdogan ha seccamente rifiutato il negoziato con i vertici militari curdi proposto dall’alleato Nato: secondo fonti istituzionali a lui vicine, sentite dalla BBC, il Presidente avrebbe “cestinato” la missiva di Trump.

“Non ci siederemo a un tavolo con i terroristi” ha dichiarato, in risposta alla proposta dell’alleato Nato, che lo invitava a un negoziato con il generale curdo Mazloum Kobani, “disposto a fare concessioni che non avrebbe mai fatto in passato. Un passaggio, questo, che ha attirato feroci critiche a Trump, per aver allegato alla sua comunicazione una lettera confidenziale scritta da Kobani

Nel frattempo, mentre a Ras al Ayn si continua a combattere, la bandiera nazionale siriana è torna a sventolare su Kobane, dove l’esercito di Assad è entrato dopo l’accordo siglato con i curdi.

Leggi anche:

La guerra della Turchia contro i curdi in Siria: tutta la storia in versione breve, media e lunga

Caro Pd, perché sostieni ancora l’ingresso della Turchia in Europa?

L’intervista di TPI alla deputata Pd Lia Quartapelle: “Chiederemo il ritiro del contingente Nato dalla Turchia”

Siria, parla a TPI la Ong italiana colpita dall’esercito turco: “Le bombe di Erdogan ci stanno distruggendo”

Altro che difendere i curdi, Putin vuole prendersi il Medio Oriente (di Giulio Gambino)

Armi alla Turchia: il governo dice nì (di Giulio Gambino)

Chi sono i curdi e perché non sono mai riusciti ad avere uno loro Stato

Tutte le ultime notizie sulla guerra in Siria

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, giustiziato per omicidio: 4 anni dopo test scoprono DNA di un altro
Esteri / Francia e Regno Unito inviano navi da guerra nella Manica: alta tensione sulla pesca
Esteri / Un agricoltore ha spostato per sbaglio il confine tra Francia e Belgio
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, giustiziato per omicidio: 4 anni dopo test scoprono DNA di un altro
Esteri / Francia e Regno Unito inviano navi da guerra nella Manica: alta tensione sulla pesca
Esteri / Un agricoltore ha spostato per sbaglio il confine tra Francia e Belgio
Esteri / Biden annuncia lo stop ai brevetti sui vaccini: "Tempi straordinari richiedono misure straordinarie"
Esteri / Facebook conferma il bando di Trump. Il tycoon sfida il social e lancia la sua piattaforma: “La pagheranno”
Esteri / Basta camerieri, ok a scienziati e ingegneri: al via la stretta sull’immigrazione del Regno Unito
Esteri / Affari e petrolio: Total finanzia da anni la giunta militare in Myanmar
Esteri / Insetti da mangiare: l'Ue autorizza il consumo alimentare delle tarme della farina
Esteri / Israele, Netanyahu non forma il governo: scaduto il mandato
Cronaca / Sul sito della Commissione Ue manca il Recovery Plan dell’Italia