Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:00
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La lettera di condoglianze che Muhammad Ali inviò a Nelson Mandela è stata venduta all’asta

Immagine di copertina

La missiva risale al 1993 ed esprimeva la vicinanza del campione di pugilato per l'uccisione di un leader della lotta all'apartheid

Una lettera firmata dalla leggenda del pugilato mondiale, Muhammad Ali, e inviata a un altro peso massimo della storia del Ventesimo secolo, ossia Nelson Mandela, è stata venduta all’asta per ottomila euro. 

La missiva fu inviata al futuro presidente sudafricano per esprimere le condoglianze per la scomparsa di uno dei leader della lotta all’apartheid, Chris Hani, assassinato nel 1993 davanti alla sua abitazione, nella periferia di Dawn Park, in Sudafrica. 

All’epoca dell’assassinio di Hani, Muhammad Ali si trovava nel paese e alloggiava presso l’Hotel Elangeni di Durban. A redigere quella lettera fu proprio il collaboratore personale del direttore dell’albergo, che commise però un errore nel digitare correttamente il nome del pugile: scrisse Muhammed Ali. 

Un refuso che oggi a distanza di ventitré anni ha acquistato un valore significativo (non solo in denaro) per i tanti estimatori. Ad aggiudicarsi la lettera è stato un collezionista statunitense. 

“Muhammad Ali era stato in Sudafrica solo per un breve periodo di tempo, nel mese di aprile del 1993. Arrivò poco dopo l’assassinio di Chris Hani avvenuto il 10 aprile. Hani era stato il leader del partito comunista e di Umkhonto we Sizwe, il braccio armato dell’African National Congress“, ha raccontato alla Bbc il battitore d’asta, Andrew Aldridge. 

“Hani era un fiero oppositore del governo dell’apartheid ed è stato assassinato da un esponente di estrema destra fuori dalla sua abitazione a Boksburg”, ha ricordato Aldridge.

Muhammad Ali arrivò in Sudafrica in un momento particolare per il paese che si trovava sull’orlo di una guerra civile. “Ali diede il suo addio ad Hani allo stadio Fnb di Johannesburg, il 19 aprile 1993, e quando apparve sugli spalti la folla estasiata scandiva il suo nome”, ha raccontato ancora Aldridge che ha poi aggiunto come lo stesso Mandela conservasse una sua foto con il campione dei pesi massimi sulla scrivania, e che il suo libro preferito fosse proprio una copia autografata della biografia di Ali.

(Qui sotto la lettera firmata da Muhammad Ali e inviata a Mandela, con la trascrizione errata del nome del campione dei pesi massimi)

Ti potrebbe interessare
Esteri / Conflitto tra Israele e Hamas: "I bambini di Gaza a pagano il prezzo più alto: 9 morti e 43 feriti"
Esteri / La campagna del governo cinese per impedire alle donne musulmane dello Xinjiang di avere figli
Esteri / Per la prima volta una donna alla guida del Washington Post: la nuova direttrice è Sally Bazbee
Ti potrebbe interessare
Esteri / Conflitto tra Israele e Hamas: "I bambini di Gaza a pagano il prezzo più alto: 9 morti e 43 feriti"
Esteri / La campagna del governo cinese per impedire alle donne musulmane dello Xinjiang di avere figli
Esteri / Per la prima volta una donna alla guida del Washington Post: la nuova direttrice è Sally Bazbee
Esteri / Cipro, peschereccio italiano speronato da barche turche
Esteri / L’Lsd sarà legale negli Usa: “Può curare malattie mentali gravi”
Esteri / India, dal fiume Gange riaffiorano cadaveri: “Sono vittime del Covid”
Esteri / Spari e studenti in fuga dalle finestre: il video della strage nella scuola di Kazan
Esteri / Sparatoria in una scuola in Russia: almeno otto vittime
Esteri / In Colombia la polizia sta massacrando le popolazioni indigene che protestano contro il governo
Esteri / Gaza brucia ancora, pioggia di bombe nella notte: “Muoiono anche i bambini”