Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:26
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Non solo Donald Trump, i cittadini americani hanno votato anche per la marijuana

Immagine di copertina

California, Massachussets e Nevada hanno deciso di legalizzare l'uso ricreativo della marijuana, mentre altri tre stati hanno approvato l'uso medico della sostanza

L’8 novembre 2016 i cittadini dei cinquanta stati federati degli Stati Uniti si sono recati alle urne per scegliere i 538 Grandi elettori che dovranno poi eleggere il presidente degli Stati Uniti d’America, il 12 dicembre 2016. Ma non solo.

Gli elettori di California, Massachussets e Nevada hanno votato infatti a favore della legalizzazione della marijuana per uso ricreativo, mentre Florida, Nord Dakota e Arkansas hanno approvato iniziative riguardo l’uso medico della sostanza.

Si attendono i risultati del voto sull’uso ricreativo in Maine e sull’utilizzo medico in Montana. In Arizona, invece, i cittadini hanno respinto la proposta di consentire l’uso ricreativo della cannabis, che è già legale in Colorado e nello stato di Washington dal 2012, ma anche in Alaska, Oregon e Washington D.C.

Con l’aggiunta degli ultimi stati, supera il 20 per cento la quota di cittadini statunitensi che vivono in stati in cui è legale l’uso ricreativo della cannabis.

A livello federale, la compravendita della marijuana tra uno stato e l’altro è proibita, anche tra quelli in cui l’uso ricreativo della sostanza è consentito.

Tuttavia, il blocco di stati che hanno deciso di legalizzare l’uso ricreativo della cannabis potrebbe coordinare gli sforzi per indurre Washington ad allentare il divieto di commercio sulla sostanza.

Un sondaggio condotto dall’istituto di statistica Gallup a ottobre ha rilevato che il 60 per cento dei cittadini americani è favorevole alla legalizzazione.

Ciononostante alcuni esperti di salute pubblica ritengono che non ci siano studi sufficienti a determinare gli effetti della sostanza e che le forze dell’ordine non hanno gli strumenti, come test e protocolli adeguati, per stabilire se un guidatore abbia assunto marijuana.

Nel 1972, il primo tentativo di decriminalizzare la marijuana in California venne respinto con il 66,5 per cento dei voti. Nel 1996, lo stato ha invece deciso di consentire l’uso medico della sostanza. La proposta del 2010 di permettere l’uso ricreativo venne respinta.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Ambasciata italiana a Mosca: “Italiani valutino se lasciare Russia”
Esteri / Germania: via al tetto al prezzo dell'energia, prevista spesa di 200 miliardi
Esteri / Donne in piazza: in Iran scoppia la rivoluzione del velo
Ti potrebbe interessare
Esteri / Ambasciata italiana a Mosca: “Italiani valutino se lasciare Russia”
Esteri / Germania: via al tetto al prezzo dell'energia, prevista spesa di 200 miliardi
Esteri / Donne in piazza: in Iran scoppia la rivoluzione del velo
Esteri / L’uragano Ian lascia al buio Cuba e devasta la Florida: più di due milioni di persone senza corrente elettrica
Esteri / Gasdotto Nord Stream, scoperta quarta falla. Svezia: “Quarta falla causata da esplosione”
Esteri / Il principe George avverte il compagno di classe: “Stai attento, mio padre sarà Re”
Esteri / Biden sulle elezioni in Italia: "Non c’è da essere ottimisti"
Esteri / Arabia Saudita: Mohammed bin Salman rimpiazza il padre e diventa Primo Ministro
Esteri / L’ambasciata Usa a Mosca ha chiesto ai cittadini americani di lasciare subito la Russia
Esteri / Minaccia nucleare, bando urgente di Mosca per l’acquisto di ioduro di potassio