Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:07
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Le tv ucraine protestano contro Papa Francesco: non va in onda la Via Crucis in cui una donna russa e ucraina hanno portato insieme la croce

Immagine di copertina
Un’infermiera ucraina e una studentessa russa di infermieristica portano la croce alla XIII stazione della passione. Credit: ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

Le tv ucraine protestano contro Papa Francesco: non va in onda la Via Crucis in cui una donna russa e ucraina hanno portato insieme la croce

In Ucraina, alcuni tra i principali media del paese hanno deciso di boicottare la via crucis presieduta ieri da papa Francesco, dopo le polemiche per la scelta di far portare la croce anche a una donna ucraina e a una russa, in segno di riconciliazione tra i due paesi in guerra. Le emittenti televisive nazionali e il canale religioso Ugcc Live Tv hanno scelto di non mandare in onda la cerimonia tenuta ieri sera, in cui un’infermiera ucraina e una studentessa russa di infermieristica hanno portato insieme la croce alla XIII stazione della passione. Al boicottaggio hanno preso parte anche la rivista Credo, Radio Maria e Ewtn Ucraina, oltre all’agenzia Risu, che ha sottolineato come “tutti questi media hanno quasi sempre coperto tutti gli eventi importanti in Vaticano: l’ultimo evento trasmesso è stata la consacrazione al Cuore Immacolato di Maria di Russia e Ucraina da parte da parte del Pontefice”.

La decisione di far portare la croce alle due amiche Irina e Albina, che condividono la corsia dell’ospedale al Campus biomedico di Roma, negli scorsi giorni era stata criticata dall’ambasciata ucraina presso la Santa Sede, che aveva chiesto al Vaticano di tornare sui suoi passi. Dopo le polemiche, ieri è stata cambiata la meditazione preparata per la XIII stazione, che avrebbe dovuto fare riferimento alla guerra in corso in Ucraina. Come ha spiegato il portavoce vaticano Matteo Bruni, è stato invece lasciato spazio al silenzio e alla preghiera.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Sta ‘zoccoletta’ avrà quel che si merita”: studentessa insultata sui social da un professore per il suo abbigliamento
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, primo caso in Toscana: salgono a 4 i contagi registrati in Italia
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, la Spagna indaga sul Gay Pride delle Canarie: “Possibile focolaio d’Europa”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “Sta ‘zoccoletta’ avrà quel che si merita”: studentessa insultata sui social da un professore per il suo abbigliamento
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, primo caso in Toscana: salgono a 4 i contagi registrati in Italia
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, la Spagna indaga sul Gay Pride delle Canarie: “Possibile focolaio d’Europa”
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, Oms: “Finora 92 casi in 12 Paesi, attesi altri contagi”
Cronaca / Ilaria Capua: “Peste suina? Un’emergenza annunciata per cui non esiste il vaccino”
Cronaca / Covid, 17.744 casi e 34 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / Firenze, furto da film in una gioielleria: i ladri sono entrati dalle fogne
Cronaca / Non vuole giocare a palla con la figlia, la mamma picchia l’amichetta al parco
Cronaca / Trani, scontro in volo tra due ultraleggeri: due morti e tre feriti
Cronaca / Lecco, perde il controllo della moto e investe pedoni: due morti e un ferito