Covid ultime 24h
casi +19.143
deceduti +91
tamponi +182.032
terapie intensive +57

Usa: lascia la figlia di due mesi in auto sotto il sole, la bimba muore. Due giorni dopo va ad una festa

Di Antonio Scali
Pubblicato il 8 Ott. 2020 alle 11:58
10
Immagine di copertina

In preda ai fumi dell’alcol e alla droga, ha lasciato per ore la figlia in macchina sotto il sole. Così McKinley Garner, di appena due mesi, è morta a Panama City, in Florida. La donna, Megan Dauphin, 30 anni, si sarebbe “sballata” dimenticandosi della piccola.

La 30enne, che avrebbe fatto uso abituale di metanfetamina, è stata arrestata ed è in attesa di processo con l’accusa di omicidio colposo. Una notizia che ha scioccato l’America. Nonostante quanto accaduto, Megan Dauphin qualche giorno dopo sarebbe andata a una festa, incurante della tragica morte della figlia. A raccontarlo un amico della donna intervistato dalla stampa locale. “La Megan che conoscevo non l’avrebbe mai fatto, quindi l’intera situazione è davvero scioccante per me – ha raccontato a Metro.co.uk  – Tutto quello che continuo a immaginare nella mia testa è quella bellissima bambina avvolta nella coperta fasciata che le avevo regalato e pensare che la sua vita venga strappata a causa di una madre che lascia sua figlia incustodita in una macchina sotto il sole… è così inquietante”, ha aggiunto l’uomo.

Nella casa della Dauphin le autorità hanno trovato accessori per l’uso di droghe, che dimostrerebbero come la 30enne facesse uso di metanfetamina. Anche l’esame del sangue avrebbe confermato che il giorno della morte della piccola McKinley la donna era pesantemente sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Non è chiaro cosa esattamente stesse facendo la madre mentre la neonata giaceva morente nell’auto.

Leggi anche: 1. Va a divertirsi con gli amici e lascia figlia di 3 anni sola in casa: la bimba muore di stenti / 2. Russia: lascia la figlia di 3 anni da sola in casa e va in vacanza. La piccola muore di fame dopo pochi giorni

10
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.