Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio

Immagine di copertina
Credit: EPA/MOHAMMED SABER

Gaza rimarrà senz’olio e la colpa è dei cambiamenti climatici. La raccolta delle olive nel territorio costiero palestinese è diminuita del 60 per cento nell’ultima stagione a causa degli effetti del riscaldamento globale, acuendo la già gravissima situazione economica e ambientale locale. Nella regione un tale calo della produzione olivicola non si registrava da trent’anni. Le previsioni per il prossimo raccolto arrivano a “sole” 10mila tonnellate di olive, rispetto alle 17mila dell’anno scorso e alle 23mila del 2019. Quest’anno soltanto un terzo degli ulivi piantati nella striscia ha effettivamente dato frutti. E la situazione non sembra volgere al meglio: nei prossimi anni, le autorità locali si aspettano un ulteriore calo della resa delle colture. Ma la crisi non è soltanto ecologica: gli agricoltori di Gaza hanno subito ingenti danni a causa della mancata produzione. I contadini non hanno potuto nemmeno compensare le perdite con l’aumento dei prezzi sul mercato a causa della diffusa povertà locale. La situazione rischia di aumentare ulteriormente la dipendenza del territorio costiero palestinese dalle importazioni. La produzione locale, anche nei periodi migliori, copre infatti solo il 35 per cento del fabbisogno di Gaza. La concorrenza internazionale potrebbe spazzare via un settore fondamentale per le comunità locali. Secondo il Comitato internazionale della Croce Rossa, la raccolta delle olive figura tra le principali fonti di sostentamento per oltre 100mila famiglie palestinesi.

Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui.
Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari