Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La caccia agli ultimi miliziani dell’Isis nelle montagne dell’Iraq

Immagine di copertina

L’esercito iracheno ha reso noto lo scorso 4 gennaio di aver ucciso Abu Ayed, un importante esponente dell’Isis, nelle montagne di Hamrin, nel nord del paese. Due settimane dopo la dichiarazione in cui il premier Haider al-Abadi aveva annunciato la vittoria sul sedicente Stato Islamico, gli uomini di Baghdad sono impegnati in una serie di combattimenti per sconfiggere gli ultimi miliziani presenti nel paese.

Secondo quanto riferito dal sito kuwaitiano Al Monitor, almeno 50 combattenti dell’Isis erano attivi nelle montagne situate nel nord della provincia di Salahuddin, al confine con quella di Diyala. Contro di loro erano presenti unità speciali dell’esercito iracheno e forze locali appartenenti al gruppo sciita Mobilitazione Popolare.

Per quanto questa zona sia a maggioranza sunnita, le forze di Mobilitazione Popolare sono presenti per combattere contro l’Isis. A est di queste montagne c’è la città di Kirkuk, fino a pochi mesi fa controllata dai curdi: gli attivisti che si battono per l’indipendenza del Kurdistan iracheno vedono per questa ragione nei monti Hamrin un confine naturale per il proprio stato. Tuttavia, il loro obiettivo non sembra destinato a essere raggiunto in un futuro prossimo, dopo che l’Iraq ha ripreso il possesso di Kirkuk lo scorso settembre in seguito al referendum unilaterale per l’indipendenza dei curdi iracheni.

Molti esplosivi improvvisati sono stati posizionati dall’Isis nei pressi della montagna, e molti civili sono per questo rimasti feriti, riporta Al-Monitor. Si tratta di montagne che hanno già fatto da rifugio a gente in fuga: paradossalmente vi si rifugiarono gli abitanti di Hawija durante i tre anni in cui questa era sotto il controllo dell’Isis.

Hawija è stata una delle ultime città irachene sotto il controllo dell’Isis a essere riconquistata dalle truppe di Baghdad, e la sua liberazione è avvenuta lo scorso ottobre.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Chi è Elisabeth Borne, la nuova premier francese nominata da Emmanuel Macron
Esteri / Il Libano verso una nuova era politica: Hezbollah perde la maggioranza
Esteri / Francia, Macron nomina premier Élisabeth Borne
Ti potrebbe interessare
Esteri / Chi è Elisabeth Borne, la nuova premier francese nominata da Emmanuel Macron
Esteri / Il Libano verso una nuova era politica: Hezbollah perde la maggioranza
Esteri / Francia, Macron nomina premier Élisabeth Borne
Esteri / “Stefania”: un soldato ucraino canta il brano che ha vinto l’Eurovision mentre cadono le bombe a Mariupol | VIDEO
Esteri / Russia, la giornalista del blitz anti-Putin denunciata dal marito: “Non vuole farmi vedere i nostri figli”
Esteri / Dopo 32 anni, McDonald’s lascia definitivamente la Russia: in vendita 850 ristoranti
Esteri / Mosca: “Se Svezia e Finlandia nella Nato errore di vasta portata”
Esteri / Nato, al via esercitazioni con Finlandia e Svezia
Esteri / Usa, due sparatorie in poche ore: in California aggressione armata in chiesa e in un mercatino a Houston
Esteri / Guerra in Ucraina, Nato: Erdogan chiude la porta a Svezia e Finlandia. Evacuazione acciaieria, Azov: "Pronti a obbedire all'ordine"