Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 13:23
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Aggrappata alla finestra le chiede aiuto, ma lei anziché aiutarla la filma | Video

Immagine di copertina

È successo in Kuwait. La donna ha ripreso con il suo cellulare la scena e l'ha poi condivisa sui social. È stata condannata a 1 anno e 8 mesi di carcere

In Kuwait una donna è stata condannata a 1 anno e 8 mesi di carcere per aver filmato la sua domestica mentre cadeva dal settimo piano della sua abitazione invece di darle una mano.

Il video, le cui immagini sono molto forti, mostra la ragazza di origini etiopi urlare e piangere, mentre è appesa con una sola mano alla finestra e chiede aiuto.

Poco dopo perde la presa, scivolando e schiantandosi su una tenda metallica 7 piani più in basso.

ATTENZIONE: IMMAGINI FORTI

Incredibilmente è sopravvissuta alla caduta e si è allontanata solamente con un braccio rotto e qualche altra ferita più lieve.

La ragazza, che lavorava come cameriera presso quell’appartamento, è stata sorpresa dalla proprietaria di casa mentre stava cercando di scappare.

Mentre la donna filmava col cellulare il tentativo di fuga, la ragazza etiope la implorava aiuto, urlando “Tienimi, tienimi”.

Nel video, postato poi su social network, si sente la donna che dice “Sei pazza, torna indietro”. Il video è diventato virale ed è così che l’autorità ne sono entrate in possesso.

La vicenda risale a marzo 2017, quando la donna è stata accusata per aver “filmato un soggetto e averne pubblicato il video senza il suo consenso”.

La ragazza sopravvissuta all’incidente aveva dichiarato alla stampa locale che la dona per cui lavorava sta cercando di ucciderla, per questo era dovuta scappare dalla finestra.

La donna ha negato le accuse, spiegando invece che aveva iniziato a riprendere perché non voleva essere accusata di omicidio se la ragazza fosse morta nella caduta, e il video poteva dimostrare che lei non avesse toccato la cameriera.

In Kuwait ci sono circa 600 mila persone che lavorano come domestici, la maggior parte migranti che spesso non vedono rispettati i propri diritti. Anche Human Rights Watch è intervenuta per tutelare la loro condizione.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Miami, crolla palazzo di 12 piani in zona residenziale: “Si temono molte vittime”
Esteri / Morto in carcere il “papà” del primo antivirus per computer
Esteri / Un web designer ha chiamato suo figlio HTML
Ti potrebbe interessare
Esteri / Miami, crolla palazzo di 12 piani in zona residenziale: “Si temono molte vittime”
Esteri / Morto in carcere il “papà” del primo antivirus per computer
Esteri / Un web designer ha chiamato suo figlio HTML
Esteri / Così il dittatore torna “utile”: l’Ue offre 3,5 miliardi alla Turchia di Erdogan per bloccare i migranti
Esteri / Britney Spears: “Basta tutela paterna, rivoglio la mia vita”. E porta in tribunale la famiglia
Esteri / Scuole bombardate e senza corrente elettrica: a Gaza iniziano gli esami di maturità
Esteri / Crisi umanitaria in Etiopia: raid contro un mercato nel Tigray, decine di vittime
Esteri / Mar Nero, russi sparano colpi di avvertimento contro una nave britannica
Esteri / Dimentica di essere sposato per via dell'Alzheimer e fa una seconda proposta alla moglie
Esteri / Von der Leyen contro la legge ungherese anti-Lgbt: “È una vergogna”