Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:42
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Una bambina di tre anni è stata eletta dea vivente in Nepal

Immagine di copertina
6. Kumari è una bambina considerata la reincarnazione di una divinità indù. Credit: Afp

Una bambina di tre anni chiamata Trishna Shakya è stata incoronata nuova Kumari di Katmandu. Nel corso della parata di insediamento ha sfilato per le strade della città ed è stata acclamata da centinaia di devoti

Una bambina di tre anni, Trishna Shakya, è stata incoronata nuova Kumari di Katmandu, la capitale del Nepal.

Nel corso della parata di insediamento la bambina, con indosso gli abiti cerimoniali e truccata nella maniera tipica, ha sfilato per le strade della città. Centinaia di devoti hanno partecipato ai festeggiamenti.

La parata è terminata con l’arrivo a Kumari Bahal, un tempio che si trova nella piazza Durbar, dove Trishna Shakya vivrà fino alla pubertà. Potrà lasciare  il palazzo solo 13 volte all’anno in occasione delle festività.

La dodicenne Matine Shakya, precedente Kumari di Katmandu, ha abbandonato il tempio da un’uscita laterale e tornerà a vivere con la sua famiglia.

Trishna Shakya è stata scelta tra quattro candidate. I criteri di selezione sono molto rigidi e includono una serie di caratteristiche ben precise. Una bambina che aspira a diventare Kumari deve possedere 32 tratti fisici specifici, tra i quali “un petto come un leone” e “cosce come un daino”, e dimostrare di essere coraggiosa.

La bambina sarà lontana dalla famiglia fino a quando sarà abbastanza grande da non avere più i requisiti necessari per continuare a essere la Kumari. Il padre, Bijaya Ratna Shakya, ha detto ai reporter dell’agenzia di stampa AFP: “Diventerà una dea vivente. Non è più solo nostra figlia, ma una divinità osannata in tutto il paese. Sono felice ma allo stesso tempo triste perché vivrà lontana dai suoi genitori”.

La Kumari è considerata la reincarnazione della dea indù Taleju Bhawani ed è venerata da induisti e buddisti in Nepal. Tradizionalmente, nella notte dell’insediamento, la bambina scelta partecipa a un rito di iniziazione.

Diverse associazioni a tutela dei diritti dei minori hanno criticato questa tradizione nepalese. Le Kumari vengono costrette a vivere isolate dalla società; questo può essere un serio ostacolo a una crescita serena.

In una sentenza emessa nel 2008, la Corte suprema di Katmandu ha sancito che le bambine hanno diritto a proseguire gli studi anche dopo l’incoronazione.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Irlanda, l’etichetta sul vino “nuoce alla salute” arriverà in 2-3 mesi
Esteri / Voleva uccidere la regina Elisabetta, si dichiara colpevole di tradimento
Esteri / È morto lo stilista spagnolo Paco Rabanne: aveva 88 anni
Ti potrebbe interessare
Esteri / Irlanda, l’etichetta sul vino “nuoce alla salute” arriverà in 2-3 mesi
Esteri / Voleva uccidere la regina Elisabetta, si dichiara colpevole di tradimento
Esteri / È morto lo stilista spagnolo Paco Rabanne: aveva 88 anni
Esteri / Putin e la velata minaccia nucleare: “Chi pensa di vincere contro di noi si sbaglia. Non useremo solo mezzi blindati”
Esteri / Ucraina, nascondeva un milione di dollari nel divano letto: ex viceministro della Difesa indagato
Esteri / Pallone spia cinese avvistato in spazio aereo Usa
Esteri / Ragazza di 18 anni trovata morta in un bosco: era scomparsa dopo aver litigato con un uomo
Esteri / Tel Aviv, genitori abbandonano neonato al check-in dell’aeroporto perché non avevano il suo biglietto
Esteri / Singapore, uomo fa causa a una donna perché non vuole uscire con lui: “Mi ha rovinato la reputazione”
Esteri / L’illustratrice iraniana a TPI: “Le proteste sono il fallimento culturale e sociale della repubblica islamica”