Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:55
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il candidato di centrodestra ha vinto le elezioni presidenziali ad Haiti

Immagine di copertina

Jovenel Moise, sostenuto dall'ex presidente, ha vinto con il 55 per cento dei voti. A Port-au-Prince si sono tenute alcune proteste per brogli

L’imprenditore di 48 anni Jovenel Moise è stato ufficialmente nominato vincitore delle elezioni presidenziali che si sono tenute a novembre ad Haiti.

Moise è appoggiato dall’ex presidente Michel Martelly e ha vinto conquistando il 55.6 per cento dei voti. La commissione elettorale ha confermato martedì 3 gennaio i dati preliminari diffusi a novembre.

Il principale rivale di Moise, Jude Celestin, ha ottenuto invece il 19.5 per cento delle preferenze.

Le elezioni presidenziali di Haiti si erano tenute per la prima volta a ottobre del 2015, ma sono poi state annullate per brogli. Anche stavolta ci sono state denunce di irregolarità e nella capitale Port-au-Prince si sono tenute alcune proteste, ma i funzionari governativi hanno negato le accuse.

Moise, membro del partito di centrodestra haitiano (Tet Kale Party), è proprietario di un’azienda di esportazione di banane nel nord del paese e non ha esperienze rilevanti in politica. Assumerà l’incarico il 7 febbraio.

Haiti è il paese più povero del continente americano e da decenni vive una forte instabilità politica. Da febbraio 2016 è stato governato da un presidente ad interim.

Il paese si sta ancora risollevando dalla distruzione provocata a ottobre dall’uragano Matthew, che ha ucciso circa mille persone.

L’ex presidente Michel Martelly, più noto come Sweet Micky, era al potere dal 2011, quando era ancora un cantante molto popolare.

La sua vittoria sconvolse l’ordine politico del paese, ancora alle prese con il devastante terremoto di magnitudo 7 del 2010, il più forte mai registrato nell’emisfero occidentale, che causò la morte di circa 250mila persone e coinvolse complessivamente 3 milioni di cittadini.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte