Covid ultime 24h
casi +31.084
deceduti +199
tamponi +215.085
terapie intensive +95

Hong Kong, rilasciato il leader delle proteste Joshua Wong: “Hello, I am back”

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 24 Set. 2020 alle 11:57 Aggiornato il 24 Set. 2020 alle 12:11
519

Il leader delle proteste pro-democrazia di Hong Kong Joshua Wong è stato rilasciato dopo quattro ore di arresto oggi, giovedì 24 settembre. “Niente da festeggiare su un rilascio stranamente rapido”, annuncia Wong con un tweet sul suo profilo Twitter. “Il caso – scrive – sarà preso in carico dalla Corte dei magistrati orientali il 30 settembre alle 14:30, il giorno prima della decisione della Cina di approvare l’arresto degli attivisti di #12youth e nella sua giornata nazionale”.

Il celebre volto internazionale delle proteste aveva fatto sapere questa mattina (Ore 13 per il fuso orario di Hong Kong) di essere stato posto in arresto. Nei suoi confronti, le accuse di aver partecipato a una riunione non autorizzata e di aver tenuto il volto coperto nel corso delle manifestazioni innescate dalla mobilitazione anti-cinese nell’ex colonia britannica.

Solo ieri l’Alta Corte di Hong Kong aveva respinto il ricorso di Joshua Wong contro l’esclusione della sua candidatura alle elezioni per il rinnovo dei Consigli distrettuali del novembre scorso, che hanno visto prevalere i candidati dello schieramento pro-democratico. Wong si era candidato al collegio di South Horizons West nell’area dei Nuovi Territori, ma era stato escluso dalla commissione elettorale, nonostante le sue rassicurazioni, anche scritte, di rispetto della Basic Law, la Legge Fondamentale che stabilisce il rapporto tra Pechino e l’ex colonia britannica. In quell’occasione, Wong fu l’unico candidato escluso, ufficialmente per avere promosso l’auto-determinazione della regione amministrativa speciale cinese. L’attivista, tuttavia, aveva puntato il dito contro la Cina e le pressioni di Pechino per la sua esclusione. Il giudice Anderson Chow Ka-ming ha motivato la decisione citando una procedura legale sbagliata da parte del ventitreenne attivista, che avrebbe dovuto presentare una petizione alla commissione elettorale e non chiedere una revisione giudiziaria.

Wong si era opposto alla decisione dell’Alta Corte, facendo emergere tutta la sua preoccupazione circa la possibilità che i giudici “chiudano un occhio” di fronte ai casi di abuso di potere da parte della burocrazia, con il rischio che sempre più candidati pro-democrazia possano essere esclusi dalle future tornate elettorali. Wong è stato escluso anche dalle elezioni per il rinnovo del Consiglio Legislativo, il Parlamento della città, che si sarebbero dovute tenere il 6 settembre scorso e che sono state rinviate di un anno per il Coronavirus.

La prima intervista esclusiva di TPI a Joshua Wong:

Joshua Wong a TPI: “La solidarietà della Cina è solo propaganda”

Leggi anche: 1. Joshua Wong: “La mia vita è a rischio, ho paura di finire in un carcere cinese silenziato per sempre. Ma non illudetevi: oggi Hong Kong, domani Taiwan” / 2. “Io sono Joshua Wong: arrestato 8 volte, bloccato nel mio paese e perseguitato dalla Cina. Vi spiego la mia lotta per Hong Kong” / 3. Esclusivo TPI: “Cari italiani non illudetevi, la solidarietà della Cina è solo propaganda per esercitare un’influenza politica”. Parla Joshua Wong, leader delle proteste di Hong Kong

4. Intervista a Joshua Wong: “Rischio l’ergastolo, ma la paura non fermerà la lotta per la democrazia” / 5. Hong Kong, ora Pechino minaccia Londra: “Se offerta cittadinanza andrà avanti, adotteremo contromisure” / 6. Diamo la cittadinanza italiana agli abitanti di Hong Kong in fuga dal regime cinese / 7. Spiegateci perché Di Maio non ha ancora detto una sola parola su Hong Kong

519
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.