Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Hong Kong, Joshua Wong si dichiara colpevole di avere partecipato alla veglia di Tienanmen

Immagine di copertina
Joshua Wong

L'attivista 24enne, leader delle proteste pro-democrazia nella ex colonia britannica, partecipò alla veglia pacifica in ricordo delle decine di migliaia di studenti e operai uccisi dall'esercito cinese nel 1989. Wong rischia fino a cinque anni di carcere

L’attivista 24enne Joshua Wong si è dichiarato colpevole insieme ad altri tre attivisti pro-democrazia per la partecipazione, malgrado il divieto della polizia, alla veglia del 4 giugno 2020 in ricordo delle vittime della repressione di Piazza Tienanmen del 1989 quando l’Esercito di liberazione popolare uccise centinaia di studenti e operai che chiedevano maggiori libertà e democrazia.

L’evento, un appuntamento di massa tradizionale al Victoria Park negli ultimi tre decenni, era stato vietato per la prima volta lo scorso anno, ufficialmente per il Covid-19. Durante l’udienza odierna, Wong si è dichiarato colpevole con i consiglieri distrettuali Lester Shum, Tiffany Yuen e Jannelle Leung. Il 6 maggio è attesa la sentenza che potrebbe comportare una pena fino a cinque anni di carcere.

joshua wong Tienanmen
Credit: EPA/JEROME FAVRE

I pubblici ministeri hanno denunciato 24 importanti attivisti in merito alla veglia di Tienanmen del 2020, quale ultimo di una serie di casi penali per colpire il movimento pro-democrazia della regione semiautonoma. Wong, una delle figure più note, sta attualmente scontando una pena detentiva per aver preso parte a una protesta non autorizzata del 2019, durante le manifestazioni di massa a favore delle riforme democratiche. Durante le manifestazioni noi di TPI siamo stati a Hong Kong per un’intervista esclusiva a Joshua Wong. L’attivista aveva dichiarato, tra le altre cose, di aspettarsi l’incarcerazione.

(Qui la video-intervista a Jousha Wong, realizzata ad Hong Kong dal direttore di TPI Giulio Gambino e trasmessa in anteprima a PiazzaPulita su La7)

Shum e Yuen erano già in custodia con accuse sulla sicurezza nazionale, che anche Wong deve affrontare. Anche Leung è in carcere. Gli altri imputati, tra cui attivisti di primo piano già in detenzione, saranno processati entro la fine dell’estate.

La veglia annuale di Tienanmen di giugno è in ricordo delle vittime della repressione decisa contro le proteste a favore della democrazia nel 1989: l’adesione è stata sempre di massa, ma per il futuro, tra la legge sulla sicurezza nazionale voluta da Pechino e altre misure di contrasto al dissenso, è difficile possa essere organizzata ancora. I funzionari dell’ex colonia britannica hanno già segnalato che al raduno di quest’anno sarà negato il permesso sia per rischi alla sicurezza sia a causa del Covid. Chow Hang-tung, avvocato e componente della HK Alliance, l’associazione che organizza la veglia di Tienanmen, ha detto in settimana che la legge sulla sicurezza è stata usata come “strumento di persecuzione politica”.

Wong faceva parte del movimento pro-democrazia Demosisto sciolto poche ore prima dell’entrata in vigore della legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino a Hong Kong.

Leggi anche: 1. “Io sono Joshua Wong: arrestato 8 volte, bloccato nel mio paese e perseguitato dalla Cina. Vi spiego la mia lotta per Hong Kong” (video intervista del direttore di TPI Giulio Gambino a Hong Kong) // 2. Esclusivo TPI: “Cari italiani non illudetevi, la solidarietà della Cina è solo propaganda per esercitare un’influenza politica”. Parla Joshua Wong, leader delle proteste di Hong Kong; // 3. Ecco perché per la Cina è così importante avere il controllo su Hong Kong (di Andrea Lanzetta)

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Esteri / Instagram danneggia la salute mentale delle adolescenti. Facebook lo sa, ma non fa niente
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Esteri / Instagram danneggia la salute mentale delle adolescenti. Facebook lo sa, ma non fa niente
Esteri / “Il burqa non è nella nostra cultura”: la campagna social delle donne afghane contro i talebani
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Esteri / Israele, morto per Covid il leader dei no vax. Anche dall’ospedale incitava i suoi: “Continuate le proteste”
Esteri / “Dopo l’assalto a Capitol Hill i militari tolsero a Trump l’accesso alle armi nucleari”
Esteri / La Corte europea dei diritti dell’uomo: il green pass “non viola i diritti umani”
Esteri / Incendio in Spagna: migliaia di persone in fuga dalle fiamme vicino alla Costa del Sol
Esteri / Patrick Zaki, prima udienza del processo a suo carico