Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 11:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

I jet turchi hanno colpito le milizie curde nel nord della Siria

Immagine di copertina

I raid hanno preso di mira le postazioni delle Forze democratiche siriane guidate dai curdi e situate in tre villaggi a nordest di Aleppo

Nella notte tra il 19 e il 20 ottobre la Turchia, con più di 20 raid aerei, ha colpito un gruppo di combattenti appartenenti alle milizie curde sostenute dagli Stati Uniti nel nord della Siria.

Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani i raid hanno preso di mira le postazioni delle Forze democratiche siriane (Sdf) guidate dai curdi e situate in tre villaggi a nordest di Aleppo. La zona era stata sottratta al controllo dei miliziani dell’Isis dai guerriglieri curdi.

L’esercito turco ha confermato questa mattina che i suoi aerei da guerra hanno effettuato 26 attacchi su aree passate di recente sotto il controllo dei miliziani curdi dell’Unità di protezione popolare (Ypg).

Secondo quanto riferito dai militari turchi, nei raid sono morti tra i 160 e i 200 miliziani curdi, ma l’Osservatorio riporta un numero molto più basso: 11 morti e decine di feriti. Anche i funzionari dell’amministrazione curda che controllano il nordest della Siria dicono che le vittime sono circa una decina.

L’appoggio degli Stati Uniti alle milizie curde nella lotta contro l’Isis ha provocato l’ira di Ankara, che vede le Ypg come un’estensione del Partito del lavoratori del Kurdistan (Pkk) che da trent’anni sta portando avanti una rivolta nel sudest della Turchia.

La Turchia teme che le Ypg, con il loro piano di unire i tre cantoni curdi di fatto autonomi emersi durante i cinque anni di guerra civile per creare una enclave nel nord della Siria, possano alimentare le ambizioni separatiste dei curdi presenti sul proprio territorio.

Gli attacchi aerei di questa notte sono i più pesanti che siano stati eseguiti contro le Ypg da quando Ankara ha lanciato l’incursione militare in Siria due mesi fa, e sono avvenuti qualche ora dopo che il presidente turco Recep Tayyip Erdogan aveva avvertito che la Turchia potrebbe agire da sola per sradicare i suoi nemici all’estero.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Un web designer ha chiamato suo figlio HTML
Esteri / Così il dittatore torna “utile”: l’Ue offre 3,5 miliardi alla Turchia di Erdogan per bloccare i migranti
Esteri / Britney Spears: “Basta tutela paterna, rivoglio la mia vita”. E porta in tribunale la famiglia
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un web designer ha chiamato suo figlio HTML
Esteri / Così il dittatore torna “utile”: l’Ue offre 3,5 miliardi alla Turchia di Erdogan per bloccare i migranti
Esteri / Britney Spears: “Basta tutela paterna, rivoglio la mia vita”. E porta in tribunale la famiglia
Esteri / Scuole bombardate e senza corrente elettrica: a Gaza iniziano gli esami di maturità
Esteri / Crisi umanitaria in Etiopia: raid contro un mercato nel Tigray, decine di vittime
Esteri / Mar Nero, russi sparano colpi di avvertimento contro una nave britannica
Esteri / Dimentica di essere sposato per via dell'Alzheimer e fa una seconda proposta alla moglie
Esteri / Von der Leyen contro la legge ungherese anti-Lgbt: “È una vergogna”
Esteri / Hong Kong: dopo gli arresti chiude l’Apple Daily, principale quotidiano pro-democrazia
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino