Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:16
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Morte Jeffrey Epstein, fonti vicine all’uomo escludono l’ipotesi di un suicidio: si tratterebbe di strangolamento

Immagine di copertina

Lo staff dell'ex miliardario statunitense morto il 10 agosto sostiene che l'uomo sia stato ucciso

Morte Jeffrey Epstein: secondo alcuni l’uomo sarebbe stato strangolato

Secondo alcune fonti vicine a Jeffrey Epstein, l’uomo scomparso in cella lo scorso 10 agosto sarebbe morto per strangolamento. L’ex miliardiario americano è stato trovato senza vita in cella nel carcere a Manhattan, dove era detenuto per l’accusa di abusi, sfruttamento della prostituzione femminile e traffico di minori.

Secondo il New York Times, Epstein si è impiccato in cella con il lenzuolo della sua brandina.

Il finanziere si sarebbe legato il lenzuolo al collo e lo avrebbe fissato nella parte alta del letto a castello nella cella.

Ma il team privato d’investigatori di Epstein non è soddisfatto di questa versione dei fatti, e non esclude l’ipotesi che la morte di Epstein sia il risultato di un omicidio, e non di un suicidio.

Fonti vicine all’imprenditore statunitense hanno rivelato a un sito americano che lo staff del Metropolitan Correctional Center, il carcere dove Epstein era detenuto dal 6 luglio 2019 con l’accusa di traffico di minori in Florida e New York, non ha fornito le informazioni necessarie a ricostruire la vicenda in modo autonomo e completo.

Secondo il team, l’uomo sarebbe morto per strangolamento: qualcuno potrebbe aver strangolato Jeffrey Epstein prima di legare il lenzuolo attorno al suo collo per farlo sembrare impiccato.

I sospetti sorgono dall’osservazione delle tre fratture sul collo di Epstein, troppo gravi e profonde per essere frutto di un’impiccagione. Per gli uomini di Jeffrey Epstein sarebbero invece tipiche di uno strangolamento.

Il sito dichiara anche che, secondo il team dell’imprenditore, è molto improbabile che entrambe le guardie che dovevano sorvegliare Epstein si siano addormentate nello stesso momento, come riportano le ricostruzioni ufficiali.

Per i membri dello staff vicino a Epstein, quest’ultimo durante il suo mese di carcere avrebbe subito delle intimidazioni da parte degli altri ospiti, i quali lo ricattavano per ricevere denaro. Alcuni media riportano che Epstein aveva trasferito denaro nei conti dei detenuti senza ricevere minacce, ma per altri sarebbe invece stato ricattato.

La rivelazione sulla morte di Jeffrey Epstein: “Lasciato in cella senza controllo, si è ucciso con il lenzuolo della brandina”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue