Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 07:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La cantante ucraina Jamala vince l’Eurovision

Immagine di copertina

Ha trionfato con un brano anti-Cremlino che racconta la deportazione dei Tatari in Crimea. Battuto il concorrente russo inizialmente favorito

Con il suo brano 1944, apertamente critico nei confronti della politica di Mosca, la cantante ucraina Jamala si è aggiudicata sabato 14 maggio il primo posto nella 61esima edizione dell’Eurovision song contest, il più celebre concorso musicale a livello europeo.

La 32enne Jamala, il cui vero nome è Susanna Jamalaadinova, dal palco dell’Ericsson Globe di Stoccolma, in Svezia, ha avuto la meglio sugli altri due concorrenti finalisti – un’australiana e un russo – con 544 punti, assegnati in parte in base ai voti delle giurie nazionali, in parte in base al televoto del pubblico. 

La canzone di Jamala parla della deportazione dei Tatari dalla Crimea compiuta dall’Unione Sovietica di Stalin, e non a caso si intitola appunto 1944, ossia l’anno in cui 250mila persone di questo gruppo etnico, accusati di collaborare con la Germania nazista, vennero deportati dalla Crimea all’Uzbekistan. Qui molti morirono di fame e malattie. 

In particolare, in alcuni versi del brano musicale, Jamala fa riferimento specifico all’esperienza vissuta dalla bisnonna materna, la quale apparteneva al gruppo etnico perseguitato e deportato. Per questi continui riferimenti, il testo della canzone è stato giudicato critico verso la Russia. Nonostante ciò, la vittoria di Jamala è arrivata a sorpresa, sorpassando di gran lunga il suo avversario favorito, il russo Sergej Lazarev, la cui canzone ricordava quella che vinse l’edizione passata del concorso. 

(Qui sotto l’esibizione di Jamala che si è aggiudicata la vittoria all’Eurovision con la canzone “1944”)

Jamala ha 32 anni ed è nata a Os, nell’attuale Kirghizistan, ma la sua famiglia decise di trasferirsi nuovamente in Crimea, la loro città d’origine. Terminati gli studi musicali presso l’Accademia musicale nazionale di Kiev, con una formazione lirica, Jamala ha poi optato per una carriera nella musica popolare ottenendo successi in diversi concorsi musicali.

Nel 2009 la giovane cantante fu premiata al concorso russo “New Wave”, mentre negli ultimi anni si è esibita spesso nei programmi televisivi dell’Ucraina. Nel 2011 provò a partecipare all’Eurovision, ma fu costretta a ritirarsi dopo una polemica sul conteggio dei voti. 

(Qui sotto la vincitrice Jamala esulta con in mano il premio: Credit: Reuters)


Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Esteri / Il business militare di Amazon con Israele rischia di reprimere i palestinesi: vi sveliamo come
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa