Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Israele: Netanyahu rinuncia a formare il governo e rimette il mandato

Immagine di copertina

Ora il presidente Rivlin dovrebbe affidare l'incarico di formare un nuovo esecutivo a Benny Gantz

Israele: Netanyahu rinuncia a formare il governo e rimette il mandato

Il premier incarico Benyamin Netanyahu rinuncia a formare il governo e rimette il mandato nelle mani del presidente di Israele Reuven Rivlin.

Lo ha annunciato lo stesso premier uscente, che ha fallito, per la seconda volta in sei mesi, il tentativo di formare un esecutivo.

Il leader del Likud (qui il suo profilo), dunque, ha rimesso il mandato, che gli era stato conferito lo scorso 25 settembre dal presidente Rivlin in seguito alle elezioni politiche, che avevano visto un sostanziale testa a testa tra Netanyahu e Gantz.

Elezioni Israele 2019 chi ha vinto: i risultati, partito per partito. Testa a testa tra Netanyahu e Gantz

Ora dovrebbe essere proprio Benny Gantz (qui il suo profilo), leader di Blu-Bianco, coalizione di centro, a ricevere l’incarico di formare il governo.

La caduta di Re Bibi: Netanyahu è l’unico vero perdente delle elezioni in Israele

Per la formazione di un nuovo esecutivo, risulta essere decisivo l’apporto del partito Israel Beiteinu guidato dal leader Avigdor Lieberman. Per Benyamin Netanyahu, invece, questa rinuncia potrebbe rappresentare la fine della carriera politica di quello che al momento è il più longevo primo ministro d’Israele dai tempi di Ben Gurion.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Esteri / Il precedente Eagleton: quando il senatore democratico rinunciò alla corsa alla vicepresidenza degli Usa
Esteri / Altri quattro anni? Cosa succederebbe se Joe Biden vincesse le elezioni presidenziali negli Stati Uniti
Esteri / Reportage TPI – Così il turismo si è mangiato il Costa Rica
Esteri / Iran: Usa condannati a pagare quasi 6,8 mld dlr per gli effetti delle sanzioni sui pazienti affetti da una malattia rara
Esteri / Orban incontra Trump: “Abbiamo discusso di pace: risolverà tutto lui” | VIDEO
Esteri / Nuova gaffe di Biden, al vertice Nato presenta Zelensky chiamandolo Putin
Esteri / Gaza: 32 morti in 70 raid dell'Idf. Media: "4 operatori umanitari stranieri uccisi in un raid a Rafah". Biden assicura: "Progressi verso un accordo di tregua". Media: "Passi avanti sulla riapertura del valico di Rafah". Ma l'ufficio di Netanyahu smentisce: “Nessun ritiro delle truppe dal confine". Hamas vuole una garanzia scritta che la guerra non riprenderà dopo la liberazione degli ostaggi. Il 19 luglio la Corte de L'Aja si pronuncerà sulle conseguenze giuridiche dell'occupazione dei Territori palestinesi