Me

Israele: Netanyahu rinuncia a formare il governo e rimette il mandato

Ora il presidente Rivlin dovrebbe affidare l'incarico di formare un nuovo esecutivo a Benny Gantz

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 21 Ott. 2019 alle 19:25 Aggiornato il 21 Ott. 2019 alle 19:40
Immagine di copertina

Israele: Netanyahu rinuncia a formare il governo e rimette il mandato

Il premier incarico Benyamin Netanyahu rinuncia a formare il governo e rimette il mandato nelle mani del presidente di Israele Reuven Rivlin.

Lo ha annunciato lo stesso premier uscente, che ha fallito, per la seconda volta in sei mesi, il tentativo di formare un esecutivo.

Il leader del Likud (qui il suo profilo), dunque, ha rimesso il mandato, che gli era stato conferito lo scorso 25 settembre dal presidente Rivlin in seguito alle elezioni politiche, che avevano visto un sostanziale testa a testa tra Netanyahu e Gantz.

Elezioni Israele 2019 chi ha vinto: i risultati, partito per partito. Testa a testa tra Netanyahu e Gantz

Ora dovrebbe essere proprio Benny Gantz (qui il suo profilo), leader di Blu-Bianco, coalizione di centro, a ricevere l’incarico di formare il governo.

La caduta di Re Bibi: Netanyahu è l’unico vero perdente delle elezioni in Israele

Per la formazione di un nuovo esecutivo, risulta essere decisivo l’apporto del partito Israel Beiteinu guidato dal leader Avigdor Lieberman. Per Benyamin Netanyahu, invece, questa rinuncia potrebbe rappresentare la fine della carriera politica di quello che al momento è il più longevo primo ministro d’Israele dai tempi di Ben Gurion.