Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Israele legalizza duemila insediamenti costruiti in Cisgiordania

Immagine di copertina

Si tratta dell'annessione di fatto di territori palestinesi occupati. L'Olp: Israele non vuole la pace né che i palestinesi abbiano il loro stato

Il parlamento israeliano ha approvato nella tarda serata di lunedì 6 febbraio 2017 un controverso provvedimento che legalizza duemila abitazioni costruite illegalmente su terreni privati palestinesi in Cisgiordania. Lo stato ebraico pagherà ai proprietari un indennizzo.

Inizialmente, si era pensato di rimandare il voto poiché il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, che si trovava lunedì in visita a Londra per incontrare il premier britannico Theresa May, avrebbe voluto aspettare l’atteso incontro con il neo presidente degli Stati Uniti Donald Trump del prossimo 15 febbraio. Ma il leader di HaBayit HaYehudi (Casa Ebraica, formazione di estrema destra) e ministro della Diaspora e dell’Istruzione Naftali Bennett ha insistito per votare subito.

La misura, approvata con 60 voti a favore e 52 contrari (la sinistra si è infatti opposta), riguarda circa 4.000 coloni ebrei e di fatto marca l’annessione di territori palestinesi in Cisgiordania appartenenti alla cosiddetta “Area C” e sottoposti al controllo civile e in materia di sicurezza di Israele, anche se formalmente estranei all’ambito di intervento della Knesset.

I palestinesi ritengono che il provvedimento rappresenti un vero e proprio furto della terra palestinese: “Il governo israeliano ha così dimostrato la volontà di distruggere ogni chance di una soluzione politica per la pace e la possibilità della soluzione dei due stati”, come definita dagli accordi di Oslo del 1993.

Dall’insediamento di Trump alla Casa Bianca il 20 gennaio, il governo israeliano ha autorizzato la costruzione di oltre 6.000 abitazioni per i coloni ebrei negli insediamenti nei territori palestinesi occupati in Cisgiordania e Gerusalemme est, forte delle manifestazioni di amicizia arrivate dalla nuova amministrazione americana.

Tuttavia la Casa Bianca ha recentemente dichiarato che la costruzione di nuovi insediamenti israeliani o l’espansione di quelli esistenti nei territori palestinesi occupati “potrebbe non essere d’aiuto” per ottenere la pace.

— LEGGI ANCHE: Tutto quello che c’è da sapere sugli insediamenti israeliani in Palestina

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza