Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:44
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’Isis rivendica un attentato suicida in Yemen

Immagine di copertina

Secondo fonti mediche locali sono almeno 25 le vittime, tutte reclute della polizia in fila presso la sede del commissariato locale

Domenica 15 maggio un attacco suicida rivendicato dall’Isis ha causato la morte di almeno 25 persone nel sud dello Yemen. Le autorità locali hanno riferito che l’attentatore si è fatto esplodere all’esterno di una sede della polizia, nella città portuale di Mukalla, uccidendo nuove reclute che al momento dell’esplosione si trovavano in fila presso la sede del commissariato locale. 

Fonti mediche e ospedaliere hanno riferito che i feriti ricoverati nelle strutture di Mukalla sono almeno 25. L’attacco è stato rivendicato dal sedicente Stato islamico. 

La città di Mukalla, capoluogo del governatorato di Hadramawt, nel sud del paese, a 480 chilometri di distanza dal golfo di Aden, ospita il porto principale della provincia di al-Shahr.

Fino ad aprile 2016, Mukalla era sotto il controllo del gruppo jihadista al-Qaeda nella Penisola Arabica (Aqap), costretto a lasciare l’area dopo l’intervento della coalizione militare araba guidata dall’Arabia Saudita. La cittadina portuale di 500mila abitanti è rimasta sotto il controllo dei miliziani di Aqap per oltre un anno. 

Nonostante la controffensiva lanciata dalla forze governative yemenite, l’area è stata presa di mira dai miliziani dell’Isis. L’attacco di domenica rivendicato dal sedicente Stato islamico è il secondo in ordine di tempo ad aver colpito la città di Mukalla da aprile.

(Qui sotto la posizione della città portuale di Mukalla che fino a un anno fa era sotto il controllo dei miliziani di al-Qaeda nella Penisola arabica)

Ti potrebbe interessare
Esteri / Centrale nucleare di Zaporizhzhia, Putin firma il decreto: “È di proprietà russa”
Esteri / La grande fuga dalla Russia di Putin: “Non moriremo per Vlad il matto”
Esteri / Cremlino: “Gli Stati Uniti sono coinvolti direttamente nel conflitto, situazione estremamente pericolosa”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Centrale nucleare di Zaporizhzhia, Putin firma il decreto: “È di proprietà russa”
Esteri / La grande fuga dalla Russia di Putin: “Non moriremo per Vlad il matto”
Esteri / Cremlino: “Gli Stati Uniti sono coinvolti direttamente nel conflitto, situazione estremamente pericolosa”
Esteri / La Slovenia legalizza matrimonio ed adozione per le coppie omosessuali
Esteri / Approvato nuovo pacchetto di sanzioni Ue alla Russia, incluso price cap al petrolio
Esteri / Gas dalla Russia all’Italia: ripresi i flussi attraverso l’Austria
Esteri / La gaffe del generale russo: per errore svela sulla mappa l’avanzata della controffensiva ucraina
Esteri / Von Der Leyen: “Pronti a discutere un tetto al prezzo del gas utilizzato per generare elettricità”
Esteri / Guerra in Ucraina, camera delle torture a Pisky-Radkivski: rinvenuti denti d’oro. Le foto shock
Esteri / Corea del Sud, esercitazioni con gli Usa: lanciati 4 missili sul Mar del Giappone. Uno si schianta al suolo