Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’Isis ha rivendicato l’attentato contro un hotel nel nord del Sinai

Immagine di copertina

Nell’attacco hanno perso la vita sette persone, tra cui uno degli osservatori chiamati a monitorare le elezioni parlamentari

Una costola egiziana dell’Isis ha rivendicato l’attentato che martedì 24 novembre ha ucciso sette persone in un hotel della città di al-Arish, nel nord della penisola del Sinai, in Egitto.

La struttura ospitava gli osservatori chiamati a monitorare il secondo turno delle elezioni parlamentari, previste in 13 province del Paese il 22 e il 23 novembre. Tra le vittime ci sono anche due degli osservatori – Omar Hammad, di 38 anni, e un suo collega -, quattro poliziotti e un civile.

L’assalto sarebbe iniziato attorno alle 7 di mattina e sarebbe stato condotto da tre uomini. Il primo, a bordo dell’auto che è successivamente esplosa, avrebbe fatto irruzione nell’albergo nonostante il tentativo da parte della polizia di fermare il veicolo. Alla prima esplosione sarebbe seguita una seconda, provocata dalla cintura esplosiva innescata da un complice. Un terzo componente del commando avrebbe poi fatto irruzione nella struttura, sparando e uccidendo l’uomo.

La cellula dell’Isis che ha compiuto l’attacco, chiamata Provincia del Sinai, aveva già realizzato numerosi altri attentati nella regione. Tra le azioni rivendicate c’è l’abbattimento dell’aereo russo, precipitato nel Sinai lo scorso 31 ottobre provocando la morte di 224 persone. 

Gli affiliati al gruppo Sinai Province sarebbero i responsabili anche dell’esplosione che lo scorso 4 novembre ha interessato un commissariato di polizia sempre nella città di al-Arish, in cui hanno perso la vita quattro poliziotti. 

La cellula jihadista in Egitto rappresenta una minaccia sempre più considerevole per il Paese, con azioni organizzate sia contro le forze di sicurezza che contro i civili. Ciononostante il governo egiziano minimizza l’influenza del gruppo e nega che possa essere coinvolto nella tragedia del volo Metrojet.

L’attacco all’hotel di al-Arish, in particolare, ha rivelato tutte le falle del sistema difensivo egiziano considerato incapace, nonostante le migliaia di poliziotti e soldati schierati, di garantire lo svolgimento pacifico delle elezioni che il presidente egiziano Abdul Fatah al-Sisi ha definito una pietra miliare nella storia del Paese.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Montenegro, spara sulla folla e fa 11 morti
Esteri / Trump indagato dall’Fbi per spionaggio: “Trovate 20 scatole di documenti top secret”
Esteri / Lo scrittore Salman Rushdie è stato accoltellato a New York: “Rischia di perdere un occhio”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Montenegro, spara sulla folla e fa 11 morti
Esteri / Trump indagato dall’Fbi per spionaggio: “Trovate 20 scatole di documenti top secret”
Esteri / Lo scrittore Salman Rushdie è stato accoltellato a New York: “Rischia di perdere un occhio”
Esteri / Formentera, incendio distrugge il superyacht da 25 milioni di euro a pochi metri dalla spiaggia | VIDEO
Esteri / Troppe cause per rischio tumori: dal 2023 Johnson & Johnson non venderà più borotalco
Esteri / Costa Azzurra, ombrelloni e lettini soltanto ai bianchi. Stabilimenti accusati di razzismo
Esteri / Usa, l’attrice Anne Heche è cerebralmente morta, la famiglia: “Staccheremo la spina e doneremo gli organi”
Esteri / Rinasce Notre-Dame: ecco come sarà la cattedrale di Parigi dopo la ricostruzione | VIDEO
Esteri / Onu: L’esercito israeliano ha ucciso 19 bambini palestinesi in meno di una settimana
Esteri / Usa, a casa di Trump l’Fbi cercava documenti su armi nucleari: la rivelazione del Washington Post