Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 16:48
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Presunto attacco chimico dell’Isis contro le truppe americane in Iraq

Immagine di copertina

Gli Stati Uniti stanno verificando se il colpo di mortaio sparato contro una base nel distretto di Mosul contenesse l'agente Mostarda

Il Pentagono ha reso noto che l’Isis ha sparato verso le truppe americane di stanza nel nord dell’Iraq un colpo di mortaio contenente un agente chimico, probabilmente il cosiddetto mostarda, martedì 20 settembre 2016.

Il proiettile è atterrato a poca distanza dalla base di Qayyara ovest, dove i militari americani stanno lavorando a una pista di atterraggio in vista dell’offensiva per sottrarre la città di Mosul al sedicente Stato islamico.

Un gruppo di soldati aveva inizialmente ispezionato i frammenti e preso un campione di una sostanza nera oleosa simile al catrame che era risultata positiva a un primo test per l’agente mostarda. 

I militari stanno verificando con ulteriori test che si tratti effettivamente dell’agente chimico, e hanno preventivamente attivato le procedure di decontaminazione, ma nessuna delle persone entrate in contatto con la sostanza mostra sintomatologia sospetta.

Non si sono dunque registrati danni e lesioni e la missione delle truppe americane nell’area prosegue senza ritardi.

Gli ufficiali americani non sembrano preoccupati e ritengono che le capacità tecniche dell’Isis non gli consentano di lanciare con successo attacchi chimici contro le truppe americane malgrado si trovino a poca distanza, sottolineando come sia le forze americane che quelle irachene e curde siano perfettamente preparate ad affrontare eventualità del genere.

Le forze armate degli Stati Uniti hanno ripetutamente bombardato le scorte di armi chimiche nelle mani dell’Isis poiché si teme che i miliziani estremisti possano farne uso per difendere Mosul, la loro capitale in Iraq, nel momento in cui verrà lanciata l’offensiva per espellerli.

Non è chiaro se l’Isis sia in grado produrre autonomamente l’agente chimico o se sia in possesso di vecchie scorte provenienti dall’Iraq stesso o dalla Siria. 

Sono 20 i casi documentati in cui i miliziani estremisti hanno fatto uso di armi chimiche contro i peshmerga in Iraq, e in cinque di essi è stato usato il gas mostarda.

— Leggi anche: Iraq, la campagna per Mosul potrebbe cominciare a ottobre

Ti potrebbe interessare
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Ti potrebbe interessare
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Esteri / Pizza per l’Italia e Chernobyl per l’Ucraina: la gaffe della tv sudcoreana alle Olimpiadi di Tokyo
Esteri / “Una storia horror? Vacanza-studio in Italia”, il tweet di Amanda Knox scatena le polemiche
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”