Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

In Irlanda si tiene un referendum contro la blasfemia

Immagine di copertina
Credit: PAUL FAITH / AFP)

I cittadini decideranno se modificare l'articolo 40 della Costituzione che definisce la blasfemia un reato

Venerdì 26 ottobre, gli irlandesi andranno alle urne per decidere se modificare la parte della Costituzione che definisce la blasfemia un reato.

Il referendum sulla blasfemia arriva dopo quello del 2015, che aveva approvato i matrimoni tra persone dello stesso sesso, e quello di maggio 2018, che aveva depenalizzato l’aborto.

Agli elettori sarà chiesto se sono favorevoli a cambiare l’articolo 40 della Costituzione, che dice: “La pubblicazione o l’espressione di opere o di parole blasfeme, sediziose o indecenti, costituisce un reato punito dalla legge”.

Nel 2009 era stata modificata la legge che regolamenta le multe per i casi di blasfemia: si era stabilito un massimo di 25mila euro per multa, estendendo la blasfemia anche ad altre religioni oltre al cristianesimo.

L’ultimo processo per blasfemia in Irlanda risale al 1855 ma tre anni fa la polizia irlandese aveva aperto un’inchiesta a partire da alcune dichiarazioni del regista Stephen Fry che aveva parlato di Dio definendolo “capriccioso”, “ottuso”, “maniaco”. Nel corso di un’intervista televisiva, al conduttore che domandava cosa avrebbe risposto se avesse potuto incontrare Dio, il regista aveva risposto: “come hai osato creare un mondo in cui c’è una tale pena che cade addosso alla gente senza colpa. Non è giusto. È profondamente malvagio”.

I pubblici ministeri si erano rifiutati di perseguire il caso e l’inchiesta era stata archiviata sulla base del fatto che un numero insufficiente di persone si era dichiarato oltraggiato dalle sue dichiarazioni.

Secondo un ultimo sondaggio pubblicato dall’Irish Times, il 51 per cento dell’elettorato è a favore della depenalizzazione. I contrari sono il 19 per cento mentre gli indecisi arrivano al 25 per cento. Si è espressa anche la stessa Chiesa cattolica, che ha definito “largamente obsoleta” la norma che considera reato penale la bestemmia.

Venerdì 26 ottobre in Irlanda si vota anche per eleggere un nuovo presidente.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra in Ucraina, Macron non esclude l’invio di caccia a Kiev
Esteri / Bruxelles, attacco col coltello in metro: almeno tre feriti. Fermato l’aggressore
Esteri / Si licenzia e cambia vita: lavora solo 30 minuti e guadagna 40mila dollari al mese. Ecco come
Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra in Ucraina, Macron non esclude l’invio di caccia a Kiev
Esteri / Bruxelles, attacco col coltello in metro: almeno tre feriti. Fermato l’aggressore
Esteri / Si licenzia e cambia vita: lavora solo 30 minuti e guadagna 40mila dollari al mese. Ecco come
Esteri / La Cina accusa gli Stati Uniti per la guerra in Ucraina: “Hanno innescato la crisi e ora la stanno alimentando”
Esteri / L’imprenditore Usa che vuole tornare 18enne (con 2 milioni l’anno): in due anni l’età è “scesa” di 5
Esteri / Capsula radioattiva smarrita in Australia, tecnici della Rio Tinto e autorità locali alla ricerca: “È molto pericolosa”
Esteri / “Per colpire il Regno Unito con un missile ci vuole un minuto”: la minaccia di Putin a Boris Johnson
Esteri / Messico, influencer napoletano scambiato per un narcos: "Rinchiuso in una stanza buia"
Esteri / Ucraina, nuove sanzioni contro Russia e Bielorussia: “Useremo le loro proprietà per la nostra difesa”
Esteri / Messico, sub decapitato da uno squalo bianco lungo quasi sei metri