Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:56
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Giustiziati 36 miliziani dell’Isis per un massacro di massa

Immagine di copertina

I combattenti sono stati impiccati. Nel 2014 vennero uccise circa 1700 reclute presso l'ex base statunitense di Camp Speicher

In Iraq, 36 uomini miliziani dell’Isis sono stati condannati a morte e impiccati per l’uccisione di 1700 reclute militari avvenuta nel 2014, nei pressi di una ex base americana. Lo hanno reso noto domenica 21 agosto fonti locali, secondo quanto riportato dalla Bbc.

Il massacro di Camp Speicher, nei pressi di Tikrit avvenne in seguito all’offensiva condotta dai combattenti del sedicente Stato islamico nelle aree settentrionali dell’Iraq, contro il governo federale iracheno, con l’obiettivo dichiarato di raggiungere la capitale irachena Baghdad. 

Una settimana dopo l’inizio dell’offensiva, il 12 giugno 2014 numerose reclute abbandonarono la base aerea di Camp Speicher, precedentemente sotto il controllo delle forze armate statunitensi e attualmente in uso all’aeronautica militare irachena. Nei giorni successivi vennero diffusi resoconti riguardanti l’uccisione di circa 1700 tra queste reclute. 

Essi vennero uccisi a colpi di arma da fuoco in esecuzioni di massa da parte dei miliziani dell’Isis. La strage suscitò ampia indignazione e fosse comuni vennero rinvenute un anno dopo.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"