Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il primo ministro dell’Iraq ha annunciato la fine della guerra contro l’Isis

Immagine di copertina
Credit: Afp/Noe Falk Nielsen/NurPhoto

Lo scorso 17 novembre l'esercito aveva liberato Rawa, l'ultima città ancora controllata dai militanti del sedicente Stato Islamico in Iraq

Nel corso di una conferenza stampa tenutasi a Baghdad sabato 9 dicembre, il primo ministro iracheno Haider al-Abadi ha annunciato la fine della guerra contro il sedicente Stato Islamico in Iraq.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La notizia, riferita dalla tv Sky News Arabia, è stata confermata dalla BBC.

Le truppe irachene sono riuscite a ristabilire il controllo delle regioni al confine con la Siria, dove ancora si trovavano alcune roccaforti dei miliziani dell’Isis.

“Le nostre forze militari hanno il controllo totale del confine tra Siria e Iraq. Per questo motivo annuncio la fine della guerra contro Daesh”, ha detto al-Abadi.

“I nostri nemici volevano distruggere la nostra civiltà, ma alla fine siamo riusciti a prevalere grazie alla nostra unità e determinazione. La vittoria è arrivata in poco tempo”, ha aggiunto il primo ministro iracheno.

Lo scorso 17 novembre le forze di sicurezza avevano liberato Rawa, l’ultima città irachena occupata dai jihadisti.

Il sedicente Stato Islamico si trovava nel paese dal 2014 quando proclamò, in alcune regioni di Iraq e Siria, un califfato sotto il cui potere hanno vissuto più di dieci milioni di persone.

Negli ultimi due anni l’Isis ha subito una serie di dure sconfitte che hanno portato a una progressiva perdita di terreno.

I due centri più importanti sotto il controllo dei miliziani fedeli ad Abu Bakr al-Baghdadi, Mosul in Iraq e Raqqa in Siria, sono stati liberati rispettivamente nel luglio e nell’ottobre di quest’anno.

Secondo fonti non confermate, alcuni combattenti dell’Isis si sarebbero dati alla macchia nelle aree rurali della Siria, mentre altri ancora sarebbero riusciti a superare il confine con la Turchia.

Nonostante la vittoria, il primo ministro al-Abadi dovrà adesso impegnarsi in una difficile lotta contro il terrorismo e l’ideologia jihadista, ancora molto forti e radicati nel paese.

Pochi giorni fa Serghei Rudskoi, responsabile delle operazioni principali dello stato maggiore russo, aveva annunciato la fine delle operazioni militari di Mosca contro l’Isis in Siria.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Polonia, donna incinta muore dopo aver portato in grembo un feto morto per 7 giorni
Esteri / Ucraina, tensione ancora alta: ambasciatore Usa consegna la risposta scritta alle garanzie chieste da Mosca
Esteri / Usa, 23enne trovata morta dopo un appuntamento su un’app di incontri: si indaga per omicidio
Ti potrebbe interessare
Esteri / Polonia, donna incinta muore dopo aver portato in grembo un feto morto per 7 giorni
Esteri / Ucraina, tensione ancora alta: ambasciatore Usa consegna la risposta scritta alle garanzie chieste da Mosca
Esteri / Usa, 23enne trovata morta dopo un appuntamento su un’app di incontri: si indaga per omicidio
Esteri / Francia, il Parlamento approva: “Vietate le ‘terapie di conversione’ usate per ‘guarire’ l’omosessualità”
Esteri / “La Cina ha realizzato una app per spiare gli atleti alle Olimpiadi di Pechino”: l’accusa
Esteri / Crisi Russia-Ucraina, venti di guerra soffiano alle porte dell’Europa: cosa sta succedendo
Esteri / Crisi Ucraina-Russia, l’Italia rischia di trovarsi in prima linea al costo di 78 milioni di euro
Esteri / “Il dilemma di Draghi”: la stampa internazionale si divide sull’ipotesi dell’ex banchiere al Quirinale
Esteri / Ucraina, la Nato annuncia l’invio di forze in Europa orientale. Il Cremlino: “L’Occidente aumenta le tensioni“
Esteri / Anche l’Economist volta le spalle a Draghi: “La sua candidatura al Quirinale un male per l’Italia e l’Europa”