Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:52
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’inventore del Big Mac è morto negli Stati Uniti all’età di 98 anni

Immagine di copertina

Michael Delligatti creò il celebre panino nel 1967. Oggi McDonald’s vende 550 milioni di hamburger all’anno, al ritmo di 17 al secondo

Michael “Jim” Delligatti, l’inventore del Big Mac, celebre panino del McDonald’s, è morto a 98 anni nella sua casa di Pittsburg, in Pennsylvania.

Nel 1967 Jim era il direttore di un McDonald’s nella cittadina di Uniontown e decise di offrire ai suoi clienti un hamburger più grande. Così creò il Big Mac, il simbolo del fast food, usando solo gli ingredienti a disposizione: due hamburger, una salsa speciale, lattuga, formaggio, cetrioli sottaceto, cipolle e pane con i semi di sesamo.

L’anno successivo il prodotto fu inserito nel menu dei locali in tutti gli Stati Uniti. Adesso nel mondo è venduto in cento paesi. McDonald’s, nel quarantesimo anniversario del Big Mac, ha calcolato di venderne 550 milioni l’anno, circa 17 al secondo.

Delligatti non ha mai rivelato la ricetta della sua salsa speciale. Il figlio ha confessato che il padre ha continuato a nutrirsi di questi panini da 540 calorie “almeno una volta alla settimana”, per tutta la vita.

Fin dal 1968 la rivista The Economist ha utilizzato l’indice Big Mac come strumento informale di comparazione del potere d’acquisto di una valuta. Infatti, in base alla teoria economica, il tasso di cambio tra due valute dovrebbe tendere naturalmente ad aggiustarsi, in modo che un paniere di beni abbia lo stesso costo in entrambe le valute.

Nel luglio del 2016, il Big Mac era venduto negli Stati Uniti a 5,04 dollari, mentre in Cina all’equivalente di 2,79 dollari, indicando una svalutazione dello yuan del 45 per cento. Il primo Big Mac fu venduto al prezzo di 45 centesimo di dollaro.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Esteri / La disperata fuga in auto sulle strade del Donbass tra le bombe dei russi
Esteri / Guerra in Ucraina, Lavrov, il piano di pace italiano "non è serio". L'Italia revoca 4 onorificenze ai russi "per indegnità"
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”
Esteri / Elon Musk sulla crisi demografica in Italia: “Se continua così non ci saranno più italiani”
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Esteri / Strage in Texas, la rabbia del coach Nba Steve Kerr che irrompe in conferenza stampa: “Non parlerò di basket”