Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:32
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Come si leggeranno le news su Facebook da aprile

Immagine di copertina

Il social network ha reso noto che la funzione Instant Articles sarà ora disponibile per qualsiasi tipo di sito

Dal 12 aprile tutti gli utenti di Facebook avranno la possibilità di attivare gli Instant Articles, funzione che permette di leggere i contenuti all’interno della stessa app mobile di Facebook, senza collegarsi a siti esterni.

Gli Instant Articles fino a oggi erano disponibili solo per poche centinaia di profili pubblici, principalmente testate giornalistiche.

Infatti, gli Instant Articles sono stati creati da Facebook proprio per risolvere il problema dei lunghi tempi di attesa che nella app per dispositivi mobili del noto social network è molto diffuso e colpisce senza distinzione tutti i tipi di sito.

Con gli Instant Articles, gli editori e i giornalisti che decideranno di usare il servizio per pubblicare i loro articoli, avranno il pieno controllo dei contenuti e potranno inserire gli annunci pubblicitari che vorranno, incassandone il 100 per cento dei ricavi.

Il servizio Instant Articles era stato lanciato da Facebook nel maggio del 2015 ed era disponibile solo per nove testate in tutto il mondo: New York Times, National Geographic, BuzzFeed, Nbc, Spiegel, Bild, Bbc News, The Atlantic e The Guardian.

Aprendo la possibilità a tutti gli editori di usare questo strumento, Facebook potrebbe seriamente rivoluzionare in un futuro prossimo il nostro modo di navigare in internet da dispositivi mobili, che potrebbe avvenire in maniera molto più frequente attraverso l’app di Facebook piuttosto che da un classico browser internet.

In questo modo, Facebook potrebbe avere ancora più di oggi anche un ruolo di aggregatore di contenuti oltre che di social network, dal momento che potrebbe capitarci molto più di frequente di rimanere su Facebook per consultare un contenuto anziché trasferirci su un sito esterno.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Ti potrebbe interessare
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce
Esteri / Incendio in un grattacielo a Taiwan, almeno 46 morti
Esteri / Libano, violenti scontri a Beirut: almeno 5 morti e 30 feriti
Esteri / Il direttore dell'Oms: "Non esclusa l'ipotesi della fuoriuscita dal laboratorio"