Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:35
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Un insegnante musulmano è morto per proteggere i cristiani da al-Shabaab in Kenya

Immagine di copertina

Salah Farah è rimasto ucciso per le ferite riportate dopo un attacco dei miliziani a dicembre 2015. Le autorità locali lo hanno definito un eroe

L’insegnante musulmano che aveva protetto i cristiani da un attacco di militanti di al-Shabaab avvenuto il 21 dicembre 2015 a Mandera, nel nord est del Kenya, è morto a causa delle ferite riportate.

Lo ha annunciato ai media locali Cleopa Mailu, il segretario di gabinetto per il ministero della Salute keniota, precisando che i medici hanno fatto tutto quanto era in loro potere per salvare la vita dell’uomo. 

Salah Farah, 34 anni, padre di cinque figli, è deceduto domenica 17 gennaio 2016 all’ospedale di Nairobi a causa delle complicazioni sopraggiunte nel corso dell’intervento chirurgico a cui è stato sottoposto in seguito all’attacco.

La notizia è stata diffusa mercoledì 20 gennaio 2016 dalla Bbc.

L’uomo, al momento dell’assalto, di un gruppo di uomini armati, appartenenti ai miliziani sunniti somali di al-Shabaab, si trovava a bordo di un autobus insieme a un gruppo di passeggeri cristiani e musulmani.

Quando gli assalitori hanno intimato al gruppo di viaggiatori di dividersi fra musulmani e cristiani, Farah insieme ad altre persone si è rifiutato, sapendo che i cristiani sarebbero stati massacrati una volta individuati.

L’insegnante musulmano si era rivolto agli uomini armati sfidandoli e dicendo loro: “Uccideteci tutti oppure lasciateci andare”. 

I miliziani, prima di lasciare che il bus proseguisse il suo tragitto per Mandera, avevano ucciso due delle persone a bordo e ne avevano ferite altre tre. 

Nel corso della sua degenza in ospedale, Salah Farah aveva raccontato ai media locali la dinamica di quanto era accaduto il 21 dicembre. “Appena ci siamo rifiutati di separarci, i miliziani ci hanno sparato”, ha detto l’uomo a Voice of America.

“Le persone devono vivere insieme pacificamente. Siamo fratelli. E’ solo la religione che fa la differenza, per questo chiedo a un mio fratello musulmano di prendersi cura dei cristiani, in modo che questi ultimi possano prendersi cura di noi, aiutandoci l’un l’altro”. 

L’ispettore della polizia locale Joseph Boinnet ha definito l’insegnante musulmano “un vero eroe”, precisando che il governo si sarebbe occupato di sostenere le spese della sepoltura del corpo a Mandera. 

Il fratello di Farah ha raccontato alla Bbc che “il suo sacrificio debba diventare d’esempio e possa così servire a incoraggiare i kenioti a vivere come una comunità e promuovere l’armonia religiosa”. 

Attacchi simili sono piuttosto frequenti in Kenya. Il 22 novembre 2014, i miliziani di al-Shabaab avevano fermato un altro autobus lungo la strada per Mandera, imponendo l’ordine ai passeggeri di dividersi in base all’appartenenza religiosa. 28 persone di religione non musulmana erano state uccise. 

I miliziani di al-Shabaab stanno portando avanti rappresaglie nel paese per l’intervento militare del Kenya in Somalia e stanno sfruttando rancori storici tra comunità musulmane e cristiane. 

LEGGI ANCHE: I PASSEGGERI MUSULMANI DI UN BUS PROTEGGONO I CRISTIANI DURANTE UN ATTACCO ISLAMISTA Il gruppo armato responsabile dell’assalto in Kenya farebbe parte della cellula somala di al-Qaeda, al-Shabab 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Terremoto in Turchia e Siria, superata quota 16mila vittime. Si cerca ancora l’italiano Angelo Zen
Esteri / Zelensky a Parigi incontra Macron e Scholz: “Servono armi pesanti e aerei il prima possibile”
Esteri / Siria, bimba di 8 anni salvata dopo 40 ore sotto le macerie del terremoto
Ti potrebbe interessare
Esteri / Terremoto in Turchia e Siria, superata quota 16mila vittime. Si cerca ancora l’italiano Angelo Zen
Esteri / Zelensky a Parigi incontra Macron e Scholz: “Servono armi pesanti e aerei il prima possibile”
Esteri / Siria, bimba di 8 anni salvata dopo 40 ore sotto le macerie del terremoto
Esteri / ‘Ndrangheta, arrestato a Bali Antonio Strangio: era latitante da 7 anni
Esteri / Siria, miracolo dopo il terremoto: salvata una bambina nata sotto le macerie
Esteri / Siria devastata dal terremoto, ma la figlia di Assad avverte: “Non inviate aiuti alle zone controllate dai ribelli”
Esteri / Terremoto in Turchia e Siria: nuova scossa 5.3 a Dogansehir. Le vittime sono più di 11.000
Esteri / Terremoto in Turchia, evasi 20 affiliati dell’Isis detenuti in Siria
Esteri / Terremoto in Turchia, estratti vivi dopo 28 ore una mamma e i suoi tre figli
Esteri / Qatargate, le pressioni di Panzeri per fermare la nomina Ue di Di Maio