Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:24
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il nord Italia è tra i luoghi d’Europa con l’inquinamento atmosferico più alto

Immagine di copertina

Secondo un rapporto Oms, oltre il 90 per cento della popolazione mondiale vive in aree in cui i livelli di inquinamento atmosferico superano la soglia di sicurezza minima

Un recente rapporto dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) – Ambient air pollution: A global assessment of
exposure and burden of disease
 – ha pubblicato dati e mappe sul problema dell’inquinamento atmosferico.

Secondo l’Oms, oltre il 90 per cento della popolazione
mondiale vive in aree in cui i livelli di inquinamento atmosferico superano le
soglie di sicurezza minima per la salute, e la situazione non accenna a migliorare.

Si tratta di una vera e propria emergenza nel campo della
salute pubblica, e milioni di persone ne sono vittime ogni anno, a causa di minuscole particelle di sostanze inquinanti come il solfato, i nitrati e il nero
di carbonio, che possono penetrare in profondità nei polmoni e condurre a
malattie letali.

Se alcune di queste polveri sono naturali in luoghi come il
Sahara, molte altre provengono invece dai combustibili fossili, che non si
limitano a questi danni ma sono anche causa del riscaldamento globale.

Secondo uno studio risalente al 2012, l’inquinamento
atmosferico è stato messo in relazione alla morte di circa 6,5 ​​milioni di persone in
tutto il mondo nel corso di quell’anno, ovvero oltre l’11 per cento di tutti i
decessi.

Il problema è infatti che solo una persona su dieci vive in città
conformi alle linee guida dell’Oms sulla qualità dell’aria.

In questo quadro già piuttosto sconfortante, non sono buone le notizie per l’Italia, in particolare per quanto riguarda le regioni del nord e con Milano a guidare (in negativo) la schiera delle aree più inquinate. Guardando un dettaglio della mappa interattiva fornita dall’Oms si nota infatti come il capoluogo lombardo sia la città con il più alto livello in Europa di particolato fine, o PM2.5. 

Con questo termine ci si riferisce, come spiega un’informativa del ministero della Salute italiano, alle “particelle di diametro aerodinamico inferiore o uguale ai 2,5 µm, una frazione di dimensioni aerodinamiche minori del PM10 e in esso contenuta. Sorgenti del particolato fine sono un po’ tutti i tipi di combustione, inclusi quelli dei motori di auto e motoveicoli, degli impianti per la produzione di energia, della legna per il riscaldamento domestico, degli incendi boschivi e di molti altri processi industriali. Come per il PM10, queste particelle sono caratterizzate da lunghi tempi di permanenza in atmosfera e, rispetto alle particelle grossolane, sono in grado di penetrare più in profondità nell’albero respiratorio umano”.

Qui sotto il dettaglio della mappa interattiva dell’Oms, che si può trovare nella sua interezza, con tutti i dati riferiti ai diversi colori, a questo link.

Qui di seguito invece un grafico sulle nazioni col numero più alto di morti dovuti all’inquinamento atmosferico:

Ti potrebbe interessare
Esteri / San Marino, raggiunta l’immunità di gregge (con lo Sputnik)
Esteri / Cade da una gru durante un video in diretta: morta a 23 anni la star di TikTok Xiao Qiumei
Esteri / Ora Bezos vuole la Luna: proposto alla Nasa lo sviluppo di un lander lunare
Ti potrebbe interessare
Esteri / San Marino, raggiunta l’immunità di gregge (con lo Sputnik)
Esteri / Cade da una gru durante un video in diretta: morta a 23 anni la star di TikTok Xiao Qiumei
Esteri / Ora Bezos vuole la Luna: proposto alla Nasa lo sviluppo di un lander lunare
Esteri / Leverkusen, esplosione in un impianto chimico: almeno un morto. Le autorità: "Non uscite e tenete porte e finestre chiuse"
Ambiente / Il ceo di Philip Morris: “Favorevole al divieto totale di fumo entro il 2030”
Esteri / Costretti a vivere tra le macerie: le vite spezzate dei bambini a Raqqa
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Esteri / Pizza per l’Italia e Chernobyl per l’Ucraina: la gaffe della tv sudcoreana alle Olimpiadi di Tokyo